Harmony OS si allontana: “ci vorranno anni per realizzare un’alternativa ad Android”

Roberto Artigiani

Le dichiarazioni del vicepresidente agli affari pubblici di Huawei, Joy Tan, suonano tanto chiare quanto allarmanti: “Ci vorrà del tempo prima che riusciremo a costruire un ecosistema alternativo ad Android“. Interpellato su Harmony OS la sua risposta appare come una diretta contraddizione di quanto affermato dal CEO Richard Yu qualche tempo fa, quando aveva addirittura fatto riferimento all’inizio del 2020 per vedere i primi dispositivi con l’OS sviluppato in casa.

LEGGI ANCHE: Cosa pensate dei prodotti “made by Google” 2019?

Se dovessimo prendere alla lettera le parole del manager quindi l’attesa non sarebbe in termini di mesi, ma di anni. La scomoda situazione in cui si trova l’azienda cinese dopo il ban attuato dagli Stati Uniti, sembra diventare più cupa. I Mate 30 sono stati i primi smartphone lanciati da Huawei privi delle Google Apps e del Play Store, ma a questo punto potrebbero non essere gli ultimi. E nel frattempo chissà quale potrà essere l’impatto sulle vendite al di fuori della Cina.

Via: Business InsiderFonte: Financial Times