Neanche Google Pay supporta ancora lo sblocco col volto dei Pixel 4

Nicola Ligas Le cose dovrebbero però cambiare a breve in base alle policy del Play Store, previste già mesi fa

I Pixel 4 sono i primi smartphone di Google (ed anche in generale su Android, a quanto ci risulti) ad avere come unico e solo metodo di autenticazione biometrica lo sblocco (sicuro) col volto. Ciò è possibile grazie all’hardware per il riconoscimento 3D del volto ed anche grazie all’uso dell’API BiometricPrompt, che sostituisce, da Android 9, in poi l’ormai deprecata API FingerprintManager, che come lascia intuire anche il nome funziona solo coi lettori di impronte.

Avrete già capito dove stiamo andando a parare: le app che supportano le nuove API sono pochissime al momento. Addirittura sembra che nemmeno Google Pay si sia uniformata (ma confidiamo che Google la aggiorni in tempo per il lancio dei Pixel 4) e l’unico moto per usarla, per ora, è passare ad un metodo di sblocco non biometrico. E la stessa cosa vale per molte app che attualmente possono essere aperte solo previa autenticazione con l’impronta: pensate a password manager, app bancarie ed altre con dati sensibili che vorreste, giustamente, proteggere da un accesso/utilizzo non autorizzato.

LEGGI ANCHE: La nostra anteprima di Pixel 4

Affinché le app possano sfruttare lo sblocco col volto dei Pixel 4 devono essere aggiornate ed avere come target le API 28 (Android 9), implementando così BiometricPrompt anziché FingerprintManager. Una volta completati questi semplici passaggi, farà tutto Android in automatico, mostrando una finestra di dialogo che funziona con qualsiasi sistema biometrico disponibile sul dispositivo, sia questo il volto o il dito. Ma non lanciamoci in facili polemiche, perché questa volta Google sembra aver anticipato uno degli atavici problemi di Android, ovvero la lentezza di certi sviluppatori nel mettersi al passo, mettendo dei “paletti” noti già diversi mesi fa.

A partire da agosto 2019, tutte le nuove app che vogliano essere pubblicate sul Play Store devono avere come target Android 9, ovvero tutte le nuove app degli ultimi mesi già funzionano con lo sblocco col volto dei Pixel 4. E quelle precedenti? A partire dal 1° novembre 2019, tutti gli aggiornamenti di app già esistenti dovranno avere come target le API 28. Ovvero, tutte le app che prima usavano FingerprintManager saranno costrette a passare a BiometricPrompt a partire dal prossimo mese, se vorranno aggiornarsi.

C’è quindi un certo margine di incertezza legato alla solerzia degli sviluppatori, ma anche solo per rilasciare un minimo fix alle proprie app, i dev dovranno sottostare a queste regole, e non ci immaginiamo un’app che abbia a che fare con dati sensibili che non si aggiorni con un minimo di regolarità. E se così non fosse, forse vale la pena di riconsiderarne l’utilizzo, no?

Via: XDA