Dopo FlexPai, Royole rientra nei ranghi? Pensa ad uno smartphone con schermo curvo e fotocamera ribaltabile (foto)

Edoardo Carlo Ceretti

Nessuno di noi aveva mai sentito parlare di Royole prima della fine del 2018, quando tentò di anticipare i colossi Samsung e Huawei con FlexPai, il primo dispositivo pieghevole al mondo. Quella che tutti pensavano si trattasse di una pura trovata commerciale per attirare l’attenzione, si è invece rivelata a suo modo un concreto successo, facendosi beffe del fiasco in cui sono incappati i più quotati rivali. Ora però, Royole vuole affermarsi come produttore di smartphone a tutto tondo e sta pensando ad un nuovo modello, più pratico ma comunque non banale.

Royole ha infatti depositato un brevetto – presso il JPO (Japan Patent Office) – di uno smartphone dotato di peculiarità che lo farebbero quantomeno spiccare rispetto ad altri modelli fin troppo monotoni. In particolare, sarebbe dotato di uno schermo con bordi curvi, sulla scorta dell’ormai lunga tradizione di top di gamma Samsung, poi imitata anche da Huawei, OnePlus e altri produttori. Inoltre, la continuità del display non sarebbe interrotta da notch o fori, grazie ad un’idea già proposta recentemente da ASUS per il suo ZenFone 6.

LEGGI ANCHE: Anteprima Royole FlexPai

Ci riferiamo ad una fotocamera posteriore ribaltabile, capace dunque di lavorare come classico sensore posteriore ma, all’occorrenza, impiegabile anche per gli immancabili selfie. Nel brevetto, la fotocamera è proprio singola, ma se mai Royole volesse concretizzare l’idea, c’è da scommetterci che il numero effettivo delle fotocamere sarebbe ben maggiore. L’idea, seppur non particolarmente innovativa, è promettente: speriamo che Royole continui su questa strada.

Via: Let's Go Digital
brevetti