Galaxy S11 non richiederà una precisione da cecchini per riconoscere l’impronta e avrà una super fotocamera (aggiornato)

Edoardo Carlo Ceretti Il sensore ultrasonico integrato nel display per il riconoscimento delle impronte digitali dovrebbe essere grande il doppio rispetto a quello dei Galaxy S10 e Galaxy Note 10. E all'orizzonte c'è anche una fotocamera periscopica per zoom ottico 5x!

La serie Galaxy S10 ha introdotto, per la prima volta su smartphone Samsung, il lettore di impronte digitali integrato nel display. Il colosso coreano però, non si è limitato al compitino, ma ha sviluppato una tecnologia sua, che si avvale degli ultrasuoni per un riconoscimento più rapido – e soprattutto più sicuro – dell’impronta. Tuttavia, abituarsi a posizionare il dito nel punto corretto non è proprio semplice, in assenza anche di un incavo che guidi le dita alla cieca. Ma i futuri Galaxy S11 si stanno già preparando ad ovviare a questo inconveniente.

Secondo le indiscrezioni riportate dai colleghi di Galaxy Club infatti, la prossima serie di smartphone top di gamma di Samsung dovrebbe adottare un sensore ultrasonico integrato nel display delle dimensioni di 64 mm², ovvero quasi il doppio dei 34 mm² vantati dal sensore integrato nei Galaxy S10 e nei Galaxy Note 10. Ciò consentirà agli utenti di avere una superficie di riconoscimento maggiore e dunque ridurrà il rischio di posizionamento incorretto del dito.

LEGGI ANCHE: Recensione Samsung Galaxy Note 10+

Il nuovo sensore sarà prodotto in collaborazione con l’azienda taiwanese GIS, che pare essere al lavoro anche un altro lettore ultrasonico, dotato di una superficie di ben 600 mm². Sfortunatamente, questo sensore non è ancora pronto per la produzione di massa, ma sugli smartphone del futuro la superficie di sblocco sul display si avvia ad essere talmente ampia da rendere soltanto un lontano ricordo la necessità di precisione millimetrica richiesta oggi.

Nota finale su una delle possibili fotocamere che saranno alloggiate posteriormente sui futuri Galaxy S11. Samsung infatti è al lavoro su particolari lenti periscopiche, in grado di mettere a disposizione degli utenti uno zoom ottico 5x, per ingrandimenti eccellenti senza perdita di qualità. In passato si è vociferato che questa fotocamera potesse debuttare sui Galaxy Note 10, per poi risolversi in un nulla di fatto. La volta buona potrebbe finalmente essere la serie Galaxy S11.

Aggiornamento25/09/2019 ore 19:20

Secondo nuove indiscrezioni, la fotocamera con zoom ottico 5x non sarà l’unico cavallo di battaglia di Galaxy S11, perché il sensore fotografico principale potrebbe avere una risoluzione nativa di 108 megapixel, proprio come l’appena annunciato Xiaomi Mi MIX Alpha. Staremo a vedere se queste voci si concretizzeranno, oppure no.

Via: SamMobile