Samsung Galaxy Fold sarà consegnato a mano in negozio con una sfilza di indicazioni sul corretto uso (foto)

Roberto Artigiani

Dopo parecchi mesi dall’annuncio ufficiale, un primo lancio a cui è seguito un rapido ritiro e molti mesi di voci, mezze dichiarazioni e rimandi, finalmente Samsung sta per mandare nei negozi il suo primo smartphone flessibile. Galaxy Fold però non verrà spedito direttamente a nessuno: sarà necessario andare a ritirarlo di persona e verrà consegnato durante un appuntamento faccia a faccia con uno specialista.

Questa precauzione si è resa necessaria viste le varie debolezze strutturali del dispositivo che, nonostante tutte le correzioni fatte, sembrano ancora molto vincolanti, quindi prima di iniziare a usare il telefono bisogna prendere visione di diversi consigli sull’uso e indicazioni piuttosto stringenti. Come saprete già se avete visto il test di resistenza di JerryRigEverything infatti, Galaxy Fold è uno strumento affascinante, ma delicato e deve essere trattato con considerevole cura.

LEGGI ANCHE: Xiaomi Mi MIX Alpha il primo smartphone tutto schermo

La lista dei divieti richiede di non usare oggetti rigidi o appuntiti contro il display (come penne o unghie!), non poggiarci sopra alcun oggetto (per esempio monete o chiavi), non attaccare adesivi, non rimuovere la pellicola protettiva e ovviamente evitare il contatto con liquidi e granelli di qualsiasi materiale. Se tutto ciò non fosse abbastanza Samsung consiglia di tenere a debita distanza qualsiasi oggetto magnetico (incluse carte di credito o “protesi mediche”). In quest’ultimo caso in particolare si richiede di consultare il proprio medico prima dell’uso del telefono.

Se tutte le precauzioni e attenzioni non dovessero bastare, Samsung offre la possibilità di sostituire lo schermo alla modica cifra di 149$. Questa chance però sarà disponibile solo un’unica volta e soltanto per chi procederà all’acquisto entro il 31 dicembre 2019, dopodiché nessuno sa con preciso cosa aspettarsi. Di seguito trovate alcune immagini della nuova versione dello smartphone e gli avvisi forniti prima della consegna.

Via: The Verge