Fast Share si candida ad essere l’AirDrop di Android: uno sguardo approfondito a come funzionerà (foto)

Vincenzo Ronca

Diversi mesi fa abbiamo iniziato a parlare  di Fast Share, il metodo di condivisione rapida che Google starebbe sviluppando per sostituire Android Beam e competere concretamente con AirDrop di Apple. Oggi riusciamo a dare più di un’occhiata alla sua interfaccia grafica.

Le immagini che vedete qui in basso, trapelate grazie al lavoro di XDA che ha decompilato parte del codice contenuto in Android 10, mostrano quella che dovrebbe essere la reale interfaccia grafica di Fast Share. La gestione dei dispositivi connessi mediante questo nuovo metodo di condivisione sarebbe allocata tra le impostazioni di sistema, alla voce Preferenze di connessione nella sezione Dispositivi connessi.

LEGGI ANCHE: Android 10, la nostra recensione

Relativamente all’invio dei file con Fast Share, verrà proposta la relativa alternativa di condivisione quando si selezionano uno o più file: una volta selezionato il destinatario, il trasferimento avverrà previa conferma dello stesso PIN tra mittente e destinatario. Al momento non è chiaro se la condivisione sarà compatibile anche verso dispositivi iOS, Wear OS e Chrome OS.

Qui sotto vedete l’interfaccia grafica relativa alla ricezione dei file: si riceverà una notifica che alla sua apertura richiederà il PIN che abbiamo citato sopra. All’accettazione del file sarà possibile impostare una visibilità preferita nei confronti di quel mittente.

Al momento rimangono ignote le tempistiche di distribuzione di Fast Share per Android. Vi terremo aggiornati sui futuri sviluppi.

Fonte: XDA