I leak sui Pixel 4 non si fermano: ecco come funziona Motion Sense, ma è il design che non convince (foto)

Nicola Ligas -

M. Brandon Lee del canale This is Tech Today ha pubblicato un nuovo video con alcuni contenuti esclusivi su Pixel 4 e Pixel 4 XL. Parliamo di varie foto dello smartphone, che viene ritratto da ogni angolazione (probabilmente si tratta del “piccolo” Pixel 4, ma il design della variante XL dovrebbe essere identico, soltanto più grande).

Le immagini in questione non saranno le più belle di sempre, ma è evidente che nemmeno i Pixel 4 saranno gli smartphone più belli di sempre. Le ampie cornici attorno al display, sia nella parte superiore (che però dovrebbe ospitare non solo la fotocamera frontale, ma anche il riconoscimento 3D del volto e Project Soli, del quale parleremo a breve) che in quella inferiore non gridano infatti “2019”, ma piuttosto richiamano il design degli anni che furono.

Google cerca di rifarsi con il profilo con il tasto di accensione colorato diversamente, o con il retro a là iPhone 11, ma è chiaro che i Pixel 4 non svetteranno tra la massa grazie al loro design.

Ciò che potrebbe distinguerli sono le funzioni software (e non) come Motion Sense. Si tratta di un sistema di gesture aeree, basato su Project Soli, una sorta di radar che riconosce a distanza le mani (e non solo) e può interpretare alcuni gesti come comandi. In passato abbiamo già visto cose simili, che sfruttavano la fotocamera frontale. Il sistema di Google dovrebbe essere più efficace, correttamente funzionante anche al buio e meno energivoro; però sembra che, gira e rigira, farà più o meno le stesse cose.

Nell’ultimo video di Brandon Lee si vede infatti il menu di configurazione di Motion Sense, che prevede al momento poche opzioni. Potete silenziare chiamate e sveglie passando la mano sopra al display, e cambiare traccia musicale con lo stesso gesto. Inoltre, se allungherete la mano verso un Pixel 4 che giace su un tavolo, lo schermo dovrebbe mostrare orario, notifiche e altre informazioni. Una sorta di Ambient Display a comando.

Non è però chiaro come impedire ad altre persone di interagire in questo modo con il nostro smartphone. Potrebbero entrare in gioco i sensori per il rilevamento del volto, ma Google dice chiaramente che Motion Sense non sfrutta fotocamera, microfono e posizione, quindi anche il face ID dovrebbe essere fuori gioco.

La nostra paura è che le gesture aeree rimangano belle in teoria ma poco pratiche, come del resto già successo in passato, indipendentemente dalla tecnologia che le riconosce. E se tutto quello che potremo farà sarà solo cambiare traccia o zittire una sveglia, non è che sia gran cosa, ma c’è sempre la speranza che altre funzioni vengano aggiunte con il passare del tempo.

Prima di lasciarvi alle immagini in questione, chiudiamo con un’informazione un po’ azzardata: i Pixel 4 potrebbero avere 100 GB di spazio gratis su Google One per 3 mesi. XDA ha trovato conferme di una promozione simile, legata ad un “nuovo telefono”, che ragionevolmente potrebbe essere il prossimo Pixel. Oppure si tratta di un’offerta più ampia, che coinvolgerà altri produttori. Al momento non abbiamo conferme, ed in ogni caso 3 mesi non sono poi troppi come offerta: avrete appena iniziato a riempire il vostro spazio di storage, che Google lo rivorrà indietro; a meno che non vi abboniate, che poi è forse ciò cui l’azienda mira davvero con questa “promozione”.