OnePlus si impegna a lasciare in pace le app in background ed a promuovere le custom ROM

Nicola Ligas

Qualche mese fa, OnePlus ha tenuto un “Open Ear Forum” in India, allo scopo di ricevere feedback dai suoi utenti in merito a varie questioni (per lo più tecniche), ed ora l’azienda tira le fila e promette cambiamenti.

Come sottolineato sul forum di OnePlus, l’azienda prenderà infatti i seguenti provvedimenti, e sebbene tutto sia nato dall’India, non vediamo ragione alcuna per la quale non dovrebbero essere validi anche altrove.

  1. I sorgenti del kernel saranno rilasciati puntualmente per tutte le build, anche quelle Open Beta.
  2. Verrà introdotto un Bounty Program per segnalare le vulnerabilità più gravi, come del resto già succede in tante aziende.
  3. Verranno promosse delle custom ROM sul forum OnePlus e sui social media dell’azienda per i dispositivi a fine vita (quelli che non saranno più aggiornati).
  4. L’eccessiva tendenza a killare le app in background a causa di un’eccessiva ottimizzazione della batteria sarà risolta nei prossimi aggiornamenti.
  5. I dispositivi saranno inviati più rapidamente ed a più sviluppatori che fanno parte del programma relativo.
  6. Verranno organizzati più incontri con la community di sviluppatori

Come vedete si tratta per lo più di cose legate allo sviluppo, ma due punti in particolare sono interessanti: l’impegno a non killare più le app in background in modo aggressivo e la promozione di firmware di terze parti, che possano dare nuova linfa ai device più vecchi. Da una parte è un po’ come dire “noi non ce ne occupiamo più, pensateci voi“, ma dato che in fondo è in parte questa l’essenza delle custom ROM, meglio ammettere come stanno le cose e cercare di indirizzare i propri utenti, che fare finta di nulla.

Speriamo appunto che i frutti di questi forum di discussione indiani possano essere raccolti da tutti gli utenti OnePlus sparsi per il mondo. Non appena dovessero esserci ulteriori comunicazioni in merito, ve lo faremo sapere.

Via: XDA