Personalizzare l’animazione di avvio sarà più semplice con Android 10, ma ci saranno delle restrizioni

Vincenzo Ronca

La personalizzazione dell’animazione d’avvio del sistema, nota anche come boot animation, è uno degli aspetti più popolari del modding Android perché ha sempre presupposto l’acquisizione dei permessi di root. Google potrebbe averla resa molto più semplice con il rilascio di Android 10.

Infatti la nuova versione del robottino verde ammetterebbe l’installazioni di nuove animazioni di avvio, diverse da quella stock, sotto forma di moduli APEX. APEX è la nuova piattaforma di gestione tramite moduli dei componenti di sistema Android, ne abbiamo parlato nel dettaglio in questo articolo. Dunque installando la boot animation come un semplice modulo APEX non richiederebbe i permessi di root: infatti in Android 10 il binary dell’animazione di avvio è stato modificato per caricare animazioni del tipo com.android.bootanimation.apex.

LEGGI ANCHE: quali smartphone riceveranno Android Q

D’altro canto è noto che Android 10 non supporterà l’installazione di moduli APEX di terze parti: verranno rifiutati tutti i moduli che non supereranno il controllo del Android Verified Boot. In sintesi, non sarete in grado di installare secondo questa procedura dell’animazioni di avvio reperite online. Si potranno solo installare boot animation prodotte da Google o da altri produttori di smartphone.

Non è escluso che Google integri la possibilità di personalizzare l’aspetto della boot animation attraverso le impostazioni di sistema Android, ad esempio mediante l’opzione “Personalizza il tuo Pixel“, offrendo alternative già approvate e sicure.

Fonte: XDA