L’app di Google Home si aggiorna: presto potrà configurare anche i dispositivi Nest e suggerisce il nuovo Nest Mini

Vincenzo Ronca

Google ha rilasciato un nuovo aggiornamento anche per la sua app Home per dispositivi Android, la quale ormai gestisce tutti i device smart prodotti da BigG e si prepara a fare lo stesso con quelli di Nest, recentemente acquisita dalla stessa Google.

L’aggiornamento dell’app Google Home si riferisce alla versione 2.13.50, non include particolari novità di rilievo ma contiene diversi suggerimenti sulle novità che potremmo vedere in futuro: la prima consiste nella possibilità di configurare anche i dispositivi Nest mediante l’app di Google, presto verrà introdotto il supporto alla configurazione di Nest Hub Max e probabilmente anche ad altri device della stessa gamma.

LEGGI ANCHE: Nest Thermostat E, la recensione

Il recente apk rilasciato contiene anche alcuni riferimenti ad un dispositivo inedito, identificato dal codice YNM, successivamente modificato in Mini. Questo potrebbe corrispondere allo smart speaker Mini di seconda generazione che sta sviluppando Google, probabilmente non arriverà con il nome di Home Mini ma rientrerà nella gamma di prodotti Nest.

Inoltre, il teardwon dell’apk ha evidenziato alcuni riferimenti alla possibilità di sfruttare la fotocamera di Nest Hub Max da parte dell’app Google Home. La fotocamera da 6,5 MP del nuovo dispositivo smart che Google sta per lanciare in USA, Regno Unito e Australia potrà essere attivata anche mediante l’app Home per effettuare chiamate, inviare messaggi ma anche sfruttare la nuova Face Match per gestire le riproduzioni multimediali mediante gesture alla fotocamera. Per sfruttare a pieno tutte le potenzialità della fotocamera di Nest Hub Max sarà comunque necessaria l’app Nest.

Infine, ulteriori stringhe scovate nel recente apk suggeriscono che lo stesso Nest Hub Max potrebbe essere usato per configurare altri dispositivi Nest. Ribadiamo che queste funzionalità ancora non sono state implementate pubblicamente. Qui sotto trovate il badge per controllare se avete ricevuto l’aggiornamento citato.

Via: 9to5Google