Huawei ottiene una proroga di altri 90 giorni per gli scambi commerciali con aziende USA (aggiornato)

Edoardo Carlo Ceretti A sostenerlo è Reuters, che cita fonti informate sulla vicenda.

A maggio, la notizia dell’inserimento di Huawei nella lista nera delle aziende pericolose per la sicurezza nazionale da parte del governo statunitense ha generato scompiglio in tutto il settore mondiale della tecnologia, anche se le conseguenze dirette di tale decisione sono state tamponate nell’immediato dalla sospensione di 90 giorni dell’attuazione del ban. Giunti nella seconda metà di agosto, il periodo previsto sta ormai per scadere, ma in vista sembra esserci un’ulteriore proroga di 90 giorni.

A rivelarlo è Reuters che, citando fonti giudicate affidabili, sostiene come gli Stati Uniti sarebbero prossimi ad annunciare l’estensione di questo periodo di sospensione del ban inflitto a Huawei, consentendo al produttore cinese di continuare a fare affari con partner e fornitori americani per altri 3 mesi.

LEGGI ANCHE: Tutto sulla serie Huawei Mate 30

Ciò garantirebbe un’ulteriore boccata d’ossigeno tanto a Huawei, quanto alle aziende americane, che altrimenti avrebbero rischiato di perdere tra pochi giorni un partner commerciale del calibro del gigante cinese, rendendo carta straccia accordi milionari per la fornitura di componentistica tecnologica.

Inoltre, questa possibile nuova proroga darebbe più tempo ai governi statunitense e cinese di intavolare una trattativa che scongiuri conseguenze negative per entrambi i Paesi, anche se la situazione va inquadrata nella più ampia guerra dei dazi che le due superpotenze stanno combattendo da mesi, esacerbando gli animi da ambo le parti. Attendiamo comunque una conferma ufficiale sulla notizia odierna, senza la quale non è possibile lanciarsi in ulteriori analisi e previsioni sul futuro.

Aggiornamento19/08/2019

Le indiscrezioni riportate si sono rivelate corrette. È sempre Reuters a riportare l’annuncio della proroga di altri 90 giorni concessa a Huawei dagli Stati Uniti, nella persona di Wilbur Ross, segretario ai commerci del governo a stelle e strisce.