Gli sviluppatori possono ora taggare la propria applicazione per renderla più visibile (foto)

Enrico Paccusse

Oltre alla ricerca per nome e alle scelte editoriali, l’unico modo per scovare applicazioni nello store di Android è tramite le categorie. Per facilitare il processo di scoperta, Google ha quindi pensato di introdurre i tag anche nel Google Play Store.

Nelle ultime settimane, come riportato da 9to5google, gli sviluppatori Android hanno ricevuto un invito ad aggiungere tag per descrivere meglio l’applicazione. Da ciò che sembra, sarà un modo per rendere più precise e raffinate le ricerche degli utenti, ma non è chiaro se saranno visibili anche a loro.

LEGGI ANCHE: YouTube è l’applicazione multimediale che fattura di più

Per il momento c’è un limite massimo di 5 tag diversi, da scegliere nella lista fornita da Google che ne conta più di 150. Una novità che farà sicuramente piacere agli sviluppatori, che saranno in grado di identificare ancor meglio la propria creazione, aldilà della categoria d’appartenenza.