OnePlus spiega come ha deciso di introdurre la Zen Mode e perché funziona così (foto)

Roberto Artigiani

Per contrastare le conseguenze di un uso sbagliato e assiduo dello smartphone negli ultimi tempi produttori e sviluppatori stanno compiendo diversi sforzi. Sotto la generica etichetta di “digital wellbeing” vengono annoverati approcci molto diversi, tra questi c’è la Zen Mode introdotta da poco da OnePlus sui suoi ultimi OnePlus 7 / 7 Pro e rapidamente arrivata anche ai modelli precedenti.

Si tratta di una modalità che blocca qualsiasi attività sullo smartphone per 20 minuti tranne l’invio e la ricezione di telefonate – ossia la funzione base di ogni telefono – e la possibilità di scattare foto. Perché dura proprio 20 minuti e perché permette di scattare foto? Ce lo spiega con un lungo post pubblicato sul forum ufficiale la stessa azienda cinese.

Prima di tutto OnePlus puntualizza che ha preferito adottare un approccio in cui è l’utente stesso che deve attivare la modalità invece che puntare sull’imposizione o peggio ancora su dei fastidiosi avvisi. La Zen Mode al contrario parte dalla volontà di staccare e infatti può essere disattivata se abilitata accidentalmente.

LEGGI ANCHE: Gli ultimi render di Samsung Galaxy Note 10 / 10+

Per quanto riguarda l’uso della fotocamera la motivazione è che la modalità è stata pensata per concentrarsi su qualcosa che non sia lo smartphone stesso, cioè che inizi e finisca dalle nostre mani costringendoci a stare a capo chino. In questo senso scattare una foto è un’azione che ci connette con il mondo che ci circonda quindi perché impedirla? In ogni caso non è possibile condividerla istantaneamente.

La durata invece sembra essere stata definita dopo diversi tentativi e ascoltando il feedback della community. Inizialmente durava 45-60 minuti, ma ci si è accorti presto che la maggior parte delle persone non ha tutto questo tempo a disposizione per prendersi una pausa. Al contrario periodi di 5-10 minuti non consentono di staccare davvero. E, dopo un test su durate di 15 minuti, si è arrivati a definire l’attuale valore come il migliore.

Diversamente dalle aspettative non sono entrati in gioco complessi concetti psicologici e teorie mediche, ma si tratta del frutto di qualcosa di più pragmatico e spontaneo. Forse però, per rendere più efficaci questo tipo di rimedi, non farebbe male l’intervento di qualche specialista.

Via: Android PoliceFonte: OnePlus forum