Alphabet annuncia i risultati finanziari: la strategia dei Pixel low-cost funziona!

Enrico Paccusse - La voce di bilancio che comprende i Pixel 3a ha fatto segnare un +40%

Far segnare un +20% sul proprio fatturato trimestrale è cosa normale, quasi obbligatoria, se sei una società con una capitalizzazione modesta, non se sei un gigante che vale 788 miliardi di dollari. Eppure di questo Alphabet se ne infischia e fa segnare un incremento di circa 6 miliardi su base trimestrale, portando il proprio fatturato a 38,9 miliardi (con utile netto di circa 10 miliardi).

La giornata di ieri è stata quella delle trimestrali per molte società tecnologiche. Alphabet ha tenuto anche una conferenza con gli azionisti in cui ha evidenziato un dato particolare, che riguarda la voce “Other Business” del proprio bilancio, che al suo interno comprende tutto il settore hardware di Google.

LEGGI ANCHE: Apple si mangia un pezzo di Intel

Ebbene, negli ultimi 3 mesi, questo settore ha fatto segnare un +40%, trainato dalle vendite dei Pixel 3a, i primi smartphone low-cost dell’azienda statunitense. A confronto dello scorso anno, il brand Pixel ha venduto più del doppio delle unità, secondo quanto riportato da Sundar Pichai, CEO di Google.

Non si ha conoscenza dei dati precisi delle vendite, e non si può esser sicuri della percentuale con cui i nuovi Pixel abbiano influenzato il dato generale, ma è comunque un certificato di validità della strategia di Google nel posizionare il prodotto in una fascia leggermente più bassa di mercato.

Via: The Verge