Honor spiega il significato delle sue sigle M/N/V/X e dice addio ai modelli Note e Max

Roberto Artigiani

Honor è un marchio di proprietà Huawei, nato qualche anno fa e dedicato nei primi tempi al mercato online. Dopo un avvio in cui i primi mid-range hanno riscosso un certo apprezzamento, Honor si è fatta strada tra i grandi nomi del settore mobile raggiungendo la piena dignità. Come tutte le aziende rivali il suo parco dispositivi è suddiviso in famiglie, ognuna dotata di specifiche caratteristiche e pensata per un determinato segmento di consumatori.

Proprio in occasione della presentazione ufficiale degli ultimi Honor 9X e 9X Pro lo stesso presidente Zhao Ming, ha approfittato dell’evento per spiegare il significato delle sigle che identificano i vari modelli Honor. Attualmente l’azienda offre 4 famiglie di dispositivi: la serie M (chiamata anche “Magic”) è incaricata di testare tecnologie innovative, mentre la linea V (in Europa diffusa come “View”) è equipaggiata con le migliori soluzioni tecnologiche, come il 5G.

LEGGI ANCHE: Attenzione alle truffe con gli APK di FaceApp Pro

La rassegna continua con Honor N (o “Digital Line”) la cosiddetta sigla dedicata ai trend tecnologici e nello specifico sarebbe composta da top di gamma come Honor 20/20 Pro. Infine c’è la serie X, spiegata come la serie “perché noi possiamo”, questa infatti propone modelli dalle caratteristiche top a prezzi attorno ai 2.000¥ (circa 260€).

Accanto a queste esistono altre sigle meno diffuse come Honor Play per i budget-phone. Allo stesso tempo Ming ha dichiarato che visto lo scarso successo riscosso dai modelli Note e Max queste varianti non saranno più prodotte in futuro. È tutto più chiaro ora?

Via: GizChina