PixelExperience Project cambia per darvi una vera e propria esperienza stock

Matteo Bottin

Il progetto PixelExperience è molto interessante: si occupa di sfruttare le potenzialità di Project Treble per trasformare il vostro dispositivo in un Pixel. La filosofia del progetto, megli ultimi mesi, aveva iniziato a deviare andando contro il principio cardine di Pixel Experience: per questo gli sviluppatori hanno deciso di fare tabula rasa (o quasi) e ricominciare da capo.

Ad oggi sono disponibili due versioni della Pixel Experience: Pie Edition, quella “base”, e Pie CAF Edition, ovvero una versione con personalizzazioni aggiunte dagli sviluppatori. Quest’ultima versione purtroppo è stata accolta con freddezza dagli utenti, tanto che non ha raggiunto i numeri (di download e non solo) che gli sviluppatori si aspettavano.

Per questo, nei prossimi mesi le cose cambieranno. Ecco la lista dei cambiamenti:

  • Le Pie CAF Edition verranno cancellate. Il supporto per tutti i dispositivi da oggi è stato fermato, e le ROM verranno salvate nei server fino a ottobre 2019. Al termine del mese, queste verranno cancellate.
  • Le Pie Edition si arricchiranno di una versione “Plus”, aggiuntiva ed opzionale per ogni modello, contenente alcune delle personalizzazioni del team. Tutte le build di Pie Edition si trasformeranno in Plus con il prossimo OTA (dato che comunque contengono qualche modifica alla base stock)
  • Infine, ritornano le GSI (Generic System Image), con aggiornamenti mensili.

LEGGI ANCHE: 7 giorni con un Nexus 4 aggiornato ad Android Pie

Se seguivate questa ROM, dunque, potreste fare un po’ di confusione a partire dal prossimo mese. Per maggiori informazioni, fate un salto sul sito ufficiale di Pixel Experience.

Fonte: Pixel Experience