Gli utenti europei di Galaxy Note 10 avranno un motivo in più per sentirsi privilegiati rispetto agli statunitensi

Vincenzo Ronca Samsung avrebbe deciso di integrare il nuovo Exynos 9825 per Galaxy Note 10 in Europa ed il "vecchio" Snapdragon 855 negli USA.

Galaxy Note 10, il nuovo top di gamma di casa Samsung, arriverà ufficialmente tra meno di un mese, quasi in concomitanza con l’annuncio fatto da Qualcomm rispetto al nuovo SoC per dispositivi mobili top di gamma denominato Snapdragon 855+.

Anche per questa volta, come ormai accade da moltissimo tempo, Samsung lancerà due varianti diverse di Galaxy Note 10 in base alla regione di commercializzazione: quella con SoC Exynos in Europa e l’altra con SoC Snapdragon negli Stati Uniti. La variante europea (sia Note 10 che Note 10+) sarà più fortunata perché integrerà il nuovo SoC proprietario Exynos 9825, mentre quella statunitense si affiderà al collaudato Snapdragon 855, e non al nuovissimo Snapdragon 855+.

LEGGI ANCHE: Samsung Galaxy A80, la recensione

Allo stato delle cose è davvero difficile quantificare la differenza tra il “vecchio” Snapdragon 855 e la nuova versione Plus. Sicuramente gli utenti europei potranno contare sugli ultimi sviluppi tecnologici raggiunti da Samsung in termini di processori.

Fonte: WinFuture