Android Q Beta 5: le principali novità (foto e video)

Nicola Ligas -

Sebbene il rollout sia al momento in pausa, abbiamo comunque provato la quinta beta di Android Q, che per la verità non porta con sé novità sconvolgenti.

Al centro dell’attenzione ci sono ancora una volta le gesture di navigazione. Finalmente è stata introdotta una gesture per richiamare l’assistente Google, con uno swipe in diagonale dagli angoli inferiori, destro o sinistro, che funziona in qualsiasi app. Inoltre c’è una novità per richiamare il navigation drawer: dovete tenere premuto il dito sul bordo dello smartphone e dopo pochissimo il drawer “spunterà” dal lato, ed a quel punto, senza rilasciare il dito, potrete trascinarlo. Tutto ciò per evitare conflitti con la gesture per andare indietro, che è appunto uno swipe dai lati. Funziona abbastanza bene, anche se dovete stare attenti a non interagire con eventuali elementi dell’app presenti vicino al bordo. È quasi più facile/rapido premere direttamente sul pulsante hamburger (quello con le tre linette orizzontali) in alto a sinistra.

Adesso funziona anche il blocco su schermo, sempre con le gesture full screen. Per uscire dal blocco è sufficiente uno swipe dal basso verso l’alto, arrestandovi a metà per pochi istanti; come se doveste accedere al menu app recenti, per capirsi.

Novità anche per le notifiche. La possibilità di posticiparle è ora disabilitata di default, e la dovrete abilitare a mano se volete. Una volta selezionata l’opzione relativa, funziona tutto come prima. Inoltre le impostazioni di priorità delle singole notifiche sono ora più chiare, e si capisce meglio se siano sonore o silenziose.

La boot animation, se avrete attivato il tema scuro, sarà inoltre scura a sua volta. E sempre a proposito del tema scuro, è nuovamente disponibile l’opzione per sviluppatori per forzare il tema scuro in tutte quelle app in cui sia presente nel codice ma non disponibile per l’utente, come ad esempio il Play Store. Non è detto che l’effetto sia però dei migliori; del resto è una forzatura, in senso letterale.

In generale il tema scuro è poi stato ulteriormente rifinito, ad esempio nelle cartelle o nella barra Google, ed è ora più piacevole e consistente; pronto al debutto insomma. A questo proposito vi ricordiamo che ci sarà ancora un’altra beta, presumibilmente ad inizio agosto, prima del rilascio della stabile. E adesso, spazio al nostro video con tutte le novità, che questa volta è stato particolarmente sintetico.