Ginlo è un’app di messaggistica che non scende a compromessi su privacy e sicurezza (foto)

Edoardo Carlo Ceretti Server collocati in Germania, assicura l'assenza di tracciamento e profilazione, oltre ad una grande sicurezza grazie alla crittografia.

I servizi di messaggistica istantanea sono ormai indispensabili nel quotidiano di tutte le persone, non soltanto per rimanere in contatto con parenti, amici e conoscenti, ma anche in ambito lavorativo. Per sua stessa natura, questo tipo di servizio tende a generare monopoli, dal momento che per comunicare le persone devono essere iscritte alle stesse app di messaggistica e, almeno in Occidente, a farla da padrone è senza dubbio WhatsApp. I ricorrenti problemi ai server e i dubbi degli utenti su privacy e sicurezza, possono però far venire voglia di guardarsi attorno di alternative valide e magari ancora più sicure. E oggi vi parliamo proprio di un’alternativa che risponde a questa esigenza.

No a tracciamento e profilazione, sì alla crittografia

Si tratta di Ginlo, un servizio di messaggistica istantanea conosciuto con questo nome soltanto da poco tempo, ma già con una grande esperienza alle spalle come SIMSme. Realizzato in collaborazione con Deutsche Post, sin dalla prima schermata l’app si vanta che il servizio sia stato sviluppato in Germania, così come i server su cui opera risiedono sul territorio tedesco, dunque senza nemmeno un transito su server di dubbia affidabilità. E anche l’attenzione verso la sicurezza è immediatamente manifesta, dato che l’app non consente di effettuare screenshot – motivo per cui, ai fini di questa recensione, abbiamo dovuto ricorrere alle care vecchie foto.

LEGGI ANCHE: Migliori App Android per Chiamate e Messaggi

Una delle parole chiave più importanti è crittografia, infatti sia il profilo di ciascun utente, sia tutte le conversazioni scambiate, sono protette e crittografate, in modo da non essere intercettabili da soggetti terzi. È poi assicurata la non tracciabilità e profilazione degli utenti. L’app vi accoglie chiedendovi immediatamente di impostare una password (o un PIN) ancora prima della registrazione, la quale avviene tramite l’inserimento del vostro numero di telefono, che va confermato per mezzo di un codice che ricevete via SMS, proprio come su WhatsApp. Dopodiché, riceverete il vostro Ginlo ID, che gli altri utenti possono utilizzare per cercarvi nel database di utenti, senza dunque dover per forza consegnare loro il vostro numero di telefono. Ottima idea.

Dopo aver impostato il vostro nome utente e inserito un’immagine profilo, sarete dentro Ginlo a tutti gli effetti e potrete iniziare ad usare il servizio. Il suo più grande difetto lo potete subito immaginare, ovvero la scarsissima diffusione dalle nostre parti. È molto probabile che la maggior parte di voi si ritroverà nella nostra stessa situazione, ovvero senza nemmeno un contatto a cui scrivere – tanto che abbiamo dovuto far registrare un altro nostro numero, per poter testare le conversazioni.

Una volta ingaggiata una chat con un contatto, potrete inviare messaggi, emoji, messaggi vocali, foto, video e altri tipi di file, oltre a condividere la vostra posizione o i dati di un contatto. La chat mostrerà le spunte di ricezione e visualizzazione e lo stato online del vostro interlocutore, ma entrambe le cose possono essere disattivate dal menu impostazioni, sezione privacy. Non è invece mostrato in alcun modo l’ultimo accesso effettuato. Il servizio funziona senza intoppi o ritardi e anche le notifiche arrivano istantaneamente.

Infine, da segnalare anche la presenza dei canali, che saranno già familiari agli utenti di Telegram. Nel numero e nelle funzionalità sono abbastanza limitati, ma vi permettono di ricevere notifiche push relative alle diverse tematiche proposte: c’è ad esempio il canale dedicato alle notizie sui viaggi, agli sport, all’attualità e così via. La maggior parte però è soltanto in lingua tedesca, dunque poco fruibile dalle nostre parti. In conclusione, il servizio funziona davvero bene, l’app è fluida, scattante e piacevole, mentre la sicurezza è ai massimi livelli. Peccato però per la diffusione, che ne limita molto le potenzialità.

Download gratuito

Ginlo è scaricabile del tutto gratuitamente dal Google Play Store e fra l’altro non presenta né banner pubblicitari, né versioni Premium a pagamento. Se dunque state cercando ad un’alternativa a WhatsApp o simili, da usare in alcuni contesti specifici (laddove sicurezza e privacy sono fattori fondamentali) o come backup quando i servizi più conosciuti non sono raggiungibili, potreste dargli una possibilità.

Immagini