Il futuro di Huawei? Tra Hongmeng OS e la volontà di rimanere nell’ecosistema Android, la certezza è il 5G

Vincenzo Ronca -

Il periodo che sta passando Huawei è abbastanza particolare, l’azienda si trova in una fase delicata dopo una grandissima crescita dimostrata a livello mondiale negli ultimi anni. Dopo il ban arrivato dal governo statunitense ed il successivo ma parziale ridimensionamento degli attriti hanno collocato il colosso cinese in una situazione in cui ogni scelta presa può avere un grande peso sul futuro della società.

Il presidente del gruppo Consumer di Huawei in Europa occidentale – Walter Ji – è stato intervistato su queste questioni da Phone Arena e ciò che ne emerso offre numerosi spunti sui futuri piani dell’azienda: le ultime vicende hanno suggerito un repentino sviluppo e lancio di Hongmeng OS, il sistema operativo alternativo ad Android sviluppato dalla stessa Huawei per far fronte al blocco di Google. Secondo quanto affermato da Ji, l’azienda non avrebbe l’intenzione di abbandonare completamente l’ecosistema Android, anche perché dietro Hongmeng non ci sarebbe un solido universo di app e servizi.

LEGGI ANCHE: Red Magic 3, la recensione

Huawei ha investito pesantemente in Android da almeno un decennio, anche gli sforzi economici in questo senso sostenuti nell’ultimo anno superano quelli messi in campo dai suoi rivali e dunque il produttore potrebbe non voler lanciare un diretto concorrente o sostitutivo di Android.

Inoltre, Huawei ha anche ammesso che nel breve futuro non supererà Samsung in termini di vendite dispositivi. Per raggiungere questo obiettivo e per continuare la sua espansione a livello internazionale l’azienda sta puntando sull’apertura di grandi store fisici in Europa, come è avvenuto a Madrid e come potrebbe avvenire in altri siti europei come Parigi e Barcellona.

Un ulteriore punto fermo dell’azienda cinese è lo sviluppo delle tecnologie 5G: il produttore punterebbe fortemente sulle nuove reti 5G, sia per incrementare la connettività rendendola adatta anche al flusso di dati 3D per rendere sempre più realistici gli incontri tra persone a distanza e sia per sviluppare notevolmente l’esperienza gaming. Dopo il SoC Kirin 980 che già supporta le reti 5G, Huawei presenterà il suo successore Kirin 990 che fornirà funzionalità più solide in termini di 5G.

Infine, Walter Ji si è espresso anche sul rapporto di Huawei con il mercato statunitense: chiaramente l’azienda si augura di recuperare i rapporti con il governo statunitense per ripresentarsi in futuro anche in quel mercato.

Via: SmartdroidFonte: Phone Arena