Provate a indovinare quante volte è stato testato un telefono Honor prima di arrivare tra le vostre mani (foto)

Roberto Artigiani Centinaia? Migliaia? Di più!

Honor, il marchio collegato a Huawei, ha annunciato di aver raggiunto un nuovo benchmark per quanto riguarda i test di resistenza dei suoi smartphone definito come “test standard di affidabilità 3.2” (reliability test standard 3.2). Si tratta di una serie di prove di resistenza a cui sono sottoposti i componenti fisici di uno smartphone del marchio cinese e sono davvero duri!

Per fare alcuni esempi ogni telefono Honor che abbia passato questi test – e che quindi sia arrivato alla commercializzazione – ha dovuto resistere a circa 10.000 cicli di accensione/spegnimento, 100.000 risvegli dallo stand-by, 20.000 pressioni del pulsante di accensione e 50.000 per quello del volume. Anche la connettività viene messa alla prova con 10.000 usi della porta USB e 5.000 inserimenti del jack da 3,5 mm.

LEGGI ANCHE: Entro 5 anni nessuno utilizzerà più gli smartphone

I severi controlli non risparmiano nemmeno lo schermo che per la precisione viene testato nella sua capacità di riconoscere le impronte digitali 200.000 volte mentre il touch screen ben 800.000 volte. I test ovviamente non si esauriscono qui, ma comprendono anche sessioni di pressioni multiple e uso ad alte/basse temperature. Stando alle dichiarazioni della stessa Honor, un intero lotto di smartphone può essere rimandato al mittente se anche uno soltanto non si rivela all’altezza.

Via: FoneArena