Smartphone satellitari compatti? Sì, secondo questo brevetto Google (foto)

Matteo Bottin

Nell’ultimo mese l’ufficio brevetti statunitense (US Patent & Trademark Office) ha pubblicato un brevetto di Google che sembrerebbe aggiungere agli smartphone Android la possibilità di comunicare con i satelliti “in caso di emergenza”.

Ad oggi i prezzi statunitensi per comunicare tramite satellite si attestano tra gli 0,80 e 1,80 dollari al minuto, e dunque non si tratterebbe di usare esclusivamente quella tecnica per le comunicazioni: piuttosto l’idea è quella di creare un dispositivo ibrido cellulare-satellitare in grado di comunicare anche in situazioni di emergenza, come uragani, terremoti, o in zone remote del globo.

La tecnologia utilizzata userebbe comunicazioni satellitari tramite la tecnica della comunicazione narrowband. In particolare, Google cita la narrow-band Internet-of-Things (NB-IoT) radio access technology (RAT).

LEGGI ANCHE: “Ok Google, raccontami una barzelletta” “Ci sono un tedesco, un francese e un italiano…”

Ovviamente il brevetto è molto più ampio: propone metodologie diverse per la comunicazione (come un collegamento diretto con il satellite o l’utilizzo del satellite come “nodo” per rientrare in un ripetitore disponibile a terra), ma è sicuramente interessante. Cosa ne pensate?

Via: Patently Mobile
brevetti