Magisk ce l’ha fatta: pieno supporto ad Android Q ed alle partizioni logiche, come per Pixel 3 (foto)

Vincenzo Ronca -

Magisk, il noto tool di installazione mod di terze parti per dispositivi Android ormai diffusissimo, assume il ruolo di primo tool al mondo a supportare i device con partizioni logiche di memoria introdotte con Android Q.

Il risultato raggiunto dallo sviluppatore John Wu, conosciuto col nome di battaglia topjohnwu, è molto importante perché implica il pieno supporto ad Android Q, anche a quei dispositivi come Pixel 3 e Pixel 3 XL che sono passati alle partizioni di memoria logiche, e non fisiche, con l’installazione dell’ultima versione del robottino verde. In altre parole, Magisk permette l’acquisizione dei permessi di root anche sulle partizioni logiche.

LEGGI ANCHE: LG V50, la recensione

Le partizioni logiche sono quelle che dinamicamente possono adattarsi al contesto di utilizzo, sono fondamentali per il supporto ai Dynamic System Update che consentono l’avvio di immagini di sistema generiche (GSI) senza l’implicazione dello sblocco del bootloader e della cancellazione dati. Inoltre, lo sviluppatore di Magisk ha introdotto “MagiskInit” il quale risulta fondamentale per supportare il layout delle partizioni denominato system-as-root, reso obbligatorio per tutti i dispositivi aggiornati ad Android Q.

Lo sviluppatore non ha ancora rilasciato una beta di Magisk che implementi le novitĂ  appena annunciate ma ha promesso che questa arriverĂ  presto. Appena verrĂ  rilasciata ve lo faremo sapere.

Fonte: John Wu (Twitter)