Batterie che rendano più del doppio di quelle attuali: la nuova sfida di Nokia con vista sul 5G

Edoardo Carlo Ceretti

Il vero limite degli odierni smartphone è rappresentato dalle batterie, il cui progresso tecnologico non riesce minimamente a tenere il passo di quello del resto della componentistica hardware. La tecnologia odierna potrebbe infatti spingersi più in là e i design potrebbero liberare maggiormente la loro creatività, se non fossero imbrigliati da batterie che richiedono spazi molto ampi per alimentare i dispositivi. E la situazione non potrà che peggiorare con l’avvento del 5G, ma Nokia ha annunciato di aver brevettato una nuova tipologia di batteria, capace di imprimere una vera svolta al settore.

Grazie al lavoro congiunto fra i ricercatori di Nokia Bell Labs e AMBER presso il Trinity College di Dublino, è stata trovata una nuova formula per realizzare batterie capaci di erogare una quantità di energia 2,5 volte superiore rispetto alle batterie odierne, a parità di dimensioni occupate e peso. Se tutto ciò venisse confermato come riproducibile su larga scala, si tratterebbe di una vera e propria rivoluzione per l’universo dei dispositivi mobili, alla vigilia dell’era dell’IoT e del 5G.

LEGGI ANCHE: Abbiamo provato il 5G Vodafone (video)

Non soltanto gli smartphone infatti, ma anche oggetti e dispositivi di ogni tipo richiederanno, nel prossimo futuro, una costante connessione ad internet e dunque la necessità di essere alimentati senza soluzione di continuità, anche lontano da prese di corrente. Batterie in grado di raddoppiare l’autonomia attuale potrebbero dunque sostenere alla grande tutte queste novità.

Sfortunatamente, Nokia non si è sbilanciata sulle tempistiche necessarie per affinamento e produzione di massa della nuova tecnologia appena messa a punto e brevettata, dunque è difficile capire quanto questa nuova invenzione possa davvero influire in modo tangibile sul prossimo futuro. Ma ogni passo in avanti nella direzione di nuove batterie all’avanguardia rimane un’ottima notizia per l’intero settore.

Fonte: Nokia