L’aggiornamento ad Android Pie per HTC U12+ è quasi pronto, ma non è ancora degno di questo nome

Edoardo Carlo Ceretti

Correva il mese di aprile, quando U12+ iniziava ad aggiornarsi ad Android Pie a partire dalla Polonia, ma sfortunatamente per i possessori del top di gamma HTC si è poi rivelata una falsa partenza. A più di due mesi di distanza, sembra che i lavori di sviluppo software stiano finalmente giungendo al termine, ma chi ha provato in anteprima il nuovo firmware non ne è rimasto entusiasta – per usare un eufemismo.

Si tratta di LlabTooFeR, celebre sviluppatore della custom rom MaximusHD, che ha messo le mani su Android Pie per HTC U12+, riscontrando tuttavia talmente tanti bug e mancanze da mettersi le mani nei capelli. Oltre ad aver suo malgrado constatato la perdita di tutta la memoria interna del dispositivo a seguito dell’aggiornamento e incappato in un problema al Bluetooth che comporta un volume molto basso per cuffie e altoparlanti, il sistema generale presenta lacune, imperfezioni e scarsa ottimizzazione, tali da far sorgere dubbi sull’impegno profuso dal produttore taiwanese in fase di sviluppo.

LEGGI ANCHE: HTC U12+, la recensione

In particolare, mancherebbe il supporto alle gesture per la navigazione tra i menu del sistema operativo, non ci sarebbe l’hub dedicato a Benessere Digitale, alcune app di sistema (come il client per gli SMS) avrebbero un look ormai obsoleto e ci sarebbero anche animazioni dalla coerenza discutibile e afflitte da fastidiosi rallentamenti. Non trattandosi di una build pubblica, HTC avrà il tempo per sistemare le cose, anche se i problemi elencati sono tanti e nient’affatto secondari, dunque il timore che il rilascio definitivo non sia così vicino come i possessori di U12+ vorrebbero, c’è eccome. Quanti di voi sono in attesa?