HMD (aka Nokia) fa mea culpa. Troppa confusione nei nomi degli smartphone

Enrico Paccusse La società ammette i propri errori e farà il possibile per risolverli

HMD Global è la società finlandese che si occupa di gestire ormai da più di due anni il marchio Nokia nel settore degli smartphone, dove tra il 2017 e il 2018 è riuscita a realizzare un dispositivo per ogni fascia di mercato.

Questa enorme quantità di dispositivi in circolazione, unita al lancio di modelli Plus ha generato confusione tra i consumatori, anche a detta del Global Portfolio Manager, Pranav Shroff, intercettato da Gadgets360 nel giorno di lancio di Nokia 2.2 in India.

LEGGI ANCHE: Nokia sul 5G

Un esempio significativo di poca chiarezza c’è stato quando è uscito il Nokia 7.1, che poteva sembrare successore del 7 Plus, ma che in realtà si è posizionato sotto sia per prezzo che per specifiche tecniche. Lo stesso Pranav ha ammesso che “il successore di Nokia 7 Plus in realtà era Nokia 8.1“.

La cosa positiva è che HMD è al corrente di aver sbagliato approccio e di aver inondato il mercato di smartphone perdendo ordine e chiarezza, ed è determinata a portare più semplicità per il consumatore comune, ad esempio limitando la produzione di modelli Plus, o rimuovendoli del tutto se necessario. Anche voi avete notato la confusione?

Via: Gizchina