Gestione dei contatti

Giorgio Palmieri

Dopo aver esplorato la superficie delle funzionalità telefoniche, è giunto il momento di addentrarci nella gestione dei contatti: non c’è nulla di complicato, quindi mettiti comodo e leggi con calma. Come fai sempre, no?

Indice:

L’app per la gestione dei contatti

Come detto nella precedente guida, la parte telefonica su Android si divide in due app già installate nel dispositivo, Telefono e Contatti/Rubrica. Queste possono essere avviate in maniera indipendente, oppure, in alcune tipologie di smartphone, è possibile passare da una all’altra, in quanto sono presentate come schede. Ad esempio, su Honor/Huawei, la rubrica è presente nell’app Telefono come scheda selezionabile dal basso, e viceversa.

Esempi di app Rubrica/Contatti. A sinistra, Samsung. Al centro, Huawei/Honor, A destra, Android Stock.

Come si aggiunge un contatto

Avviando l’app Contatti/Rubrica, ti ritroverai davanti alla lista di contatti salvati sul dispositivo. Per aggiungerne uno nuovo, è sufficiente premere il pulsante + in basso a destra: da qui puoi scegliere il nome del contatto, la mail, i numeri di casa, di cellulare, di lavoro, persino inserire una foto o una suoneria personalizzata, se lo vuoi. Tra tutte le opzioni, però, devi prestare attenzione ad una cosa, ovvero dove vuoi salvare il contatto, tra account Gmail, del produttore (tipo Samsung account) o direttamente sul telefono: in generale, eccezion fatta per casi particolari, ti consigliamo di selezionare sempre il tuo account Gmail (il servizio mail di Google). Il motivo? Quando cambierai telefono Android, ti basterà inserire le credenziali Google per riavere automaticamente tutti i contatti grazie alla sincronizzazione, senza il rischio di perderli. Semplice, no?

Stai avendo dei problemi nella sincronizzazione dei contatti con account Gmail? Prova in questo modo: vai in Impostazioni -> Account, poi seleziona il tuo Account Google e controlla se la Rubrica è sincronizzata. In caso contrario, premi sui “tre puntini” in alto a destra e avvia la sincronizzazione manuale.

Modificare, condividere, bloccare o cancellare un contatto

Per modificare, bloccare o cancellare un contatto, ti basta toccare quello desiderato per iniziare l’operazione di modifica. Vale sempre la regola tipica delle varie impostazioni Android: quando trovi “i tre puntini” o le “tre linee”, solitamente posti in alto o in basso a destra, è lì che dovrai recarti per richiamare delle opzioni aggiuntive. Prima di procedere, stabilisci quali sono i contatti che chiami più spesso toccando la “stellina” nel menù di modifica: questi prendono il nome di “preferiti”, e presenziano in alto della lista nella rubrica o nell’apposita e omonima scheda, a seconda del tuo dispositivo.

Per la cancellazione o per la condivisione, invece, è necessario tenere premuto il dito sul contatto interessato e premere elimina (ritratto spesso con il cestino) o condividi (con il tipico simbolo delle linee collegate ai punti).

Lo sapevi che… puoi creare gruppi ed etichette per organizzare meglio i contatti? Ti spieghiamo come si fa:

Se hai un Samsung: Rubrica -> Premi le tre linee sulla sinistra -> Gruppi
Se hai un Honor/Huawei: Trovi l’opzione in cima alla lista dei contatti non appena apri l’omonima app
Se hai un device Android One: Contatti -> Premi le tre linee in alto a sinistra -> Etichette

Puoi assegnare un gruppo ad ogni contatto nel menĂą di modifica.

Esempi di modifica contatto. A sinistra, Samsung. Al centro, Huawei/Honor, A destra, Android Stock.

Importare e esportare i contatti

In pratica, importare significa mettere i contatti sul tuo cellulare da una fonte esterna; esportare significa invece racchiuderli in un file, che poi potrai importare su un altro dispositivo. Di conseguenza, se cambi smartphone e non hai salvato i contatti sull’account Gmail o su quello di un produttore (come, appunto, il Samsung Account), puoi importarli manualmente da una fonte esterna, che risiede più che altro nei file vCard VCF, sebbene alcuni dispositivi dispongano di importazioni extra, attraverso Wi-Fi Direct ad esempio. Non ti spaventare, non è nulla di che: i file vCard (VCF) si generano quando esporti i contatti del telefono. Dove trovi tutto questo ambaradan?

Se hai un Samsung: Rubrica -> Premi le tre linee sulla sinistra -> Seleziona Gestisci Contatti (l’ultima opzione)
Se hai un Honor/Huawei: Contatti -> Premi i tre puntini in alto a destra -> Seleziona Importa/Esporta
Se hai un device Android One: Contatti -> Premi le tre linee in alto a sinistra -> Seleziona Impostazioni -> Troverai Importa/Esporta tra le ultime opzioni

Attenzione: il file vCard (VCF) va conservato. Se esporti sulla memoria interna, e poi formatti il dispositivo, il file in questione verrĂ  cancellato. Ricordati di salvarlo su una scheda SD o sul PC.

Esempi di menĂą avanzati per la gestione dei contatti. A sinistra, Samsung. Al centro, Huawei/Honor, A destra, Android Stock.

Widget contatti

Se hai bisogno di una scorciatoia per chiamare al volo un contatto, come ad esempio tua mamma o la tua dolce metĂ , puoi utilizzare i Widget. Ricordi cosa sono?

Widget: sono elementi grafici, piccoli gadget di grandezza variabile che è possibile inserire nella Home in maniera tale da ricevere informazioni specifiche, dal credito residuo al meteo, dal calendario alle e-mail.

Dalla guida Uso dell’interfaccia

Dunque, è semplice: tieni premuto un dito su uno spazio vuoto della Home del tuo dispositivo, seleziona Widget, cerca Rubrica/Contatti, scegli la scorciatoia che più ti aggrada, inseriscila in un posto comodo della Home e il gioco è fatto!

Hai visto quanto è intuitivo Android? Alla faccia di chi dice sia difficile da usare! Come detto più volte, basta solo un po’ di pazienza per capire le sue dinamiche, il resto viene da sé.

POTREBBERO INTERESSARTI