Galaxy Fold: meglio tardi che difettato? Samsung sta approfittando della “pausa” per sistemare il firmware

Roberto Artigiani

Galaxy Fold, il primo dispositivo dotato di schermo pieghevole, stenta ancora ad arrivare nei negozi di tutto il mondo a causa di una serie di problemi e ritardi. Tuttavia sembra che Samsung non solo non abbia smesso di credere nella sua commercializzazione, ma voglia approfittare della pausa forzata per sistemare alcuni difetti del firmware e renderlo a prova di bomba.

Mentre le problematiche legate all’hardware sono in corso di risoluzione e la finestra di lancio viene bucata e spostata praticamente di mese in mese, l’azienda coreana avrebbe trovato il modo di rendere proficuo questo tempo per arrivare a presentare un dispositivo privo di bug. Finora sembra che abbia testato ben 11 nuovi firmware alla ricerca di una soluzione ai difetti riscontrati nelle prime versioni dello smartphone pieghevole.

LEGGI ANCHE: Vodafone annuncia l’arrivo del 5G in Italia, ecco le città interessate

Si tratta soprattutto di anomalie nell’uso dello spazio extra dello schermo da parte di app come Facebook o di visualizzazioni non perfette di alcune schermate di Instagram. E poi ci potrebbero essere diversi avvisi sullo strato protettivo dello schermo dopo che qualche utente ha provato a rimuoverlo. La nuova versione però dovrebbe averne nascosto i bordi al di sotto delle cornici oltre a ridurre lo spazio nella parte superiore e inferiore dei cardini. Niente di particolarmente rilevante, ma vista la cifra richiesta – e il tempo di attesa – ha tutto il senso del mondo curare fino nei minimi dettagli il nuovo Galaxy Fold.

Via: SamMobile