Xiaomi ha il pallino per la tripla fotocamera frontale, a costo di rispolverare il notch (foto)

Edoardo Carlo Ceretti Un nuovo brevetto mostra come il produttore cinese continui a ragionare sull'idea di includere ben 3 fotocamere sulla parte anteriore dei prossimi smartphone. E c'è anche un caricabatterie wireless a dir poco versatile.

Se la selfie-mania non accenna a perdere di vigore, i produttori di smartphone hanno tutto l’interesse a cavalcarla il più possibile, architettando nuovi modi per rendere più definiti e versatili gli autoritratti. Fra questi c’è Xiaomi, di cui qualche settimana fa era già trapelato un brevetto che avanzava l’ipotesi di un futuro smartphone dotato di 3 fotocamere anteriori, corroborata da un ulteriore brevetto appena apparso in rete.

Depositato presso il CNIPA (China National Intellectual Property Administration), il nuovo brevetto mette in mostra uno smartphone dotato appunto di 3 fotocamere frontali, che possiamo immaginare possano servire per migliorare l’effetto sfocato dello sfondo ed offrire un angolo di campo più ampio, utile per i selfie di gruppo. A differenza del brevetto circolato qualche tempo fa però – che immaginava la presenza di uno slider in stile Mi MIX 3 – questa volta si nota la presenza di un notch bello ampio, che in molti sperano possa ormai appartenere al passato.

È difficile sapere se questi brevetti diventeranno mai realtà, soprattutto con queste esatte fattezze, ma l’idea di implementare 3 sensori fotografici per i selfie non è affatto peregrina. Più concreto è il brevetto relativo ad un caricabatterie wireless, non soltanto perché condito di immagini reali. Si tratta di un’idea in realtà non così innovativa, che vede la possibilità di variare l’inclinazione della superficie su cui appoggiare lo smartphone da ricaricare wireless, optando all’occorrenza per una modalità orologio notturno/sveglia.

Fonte: Tiger Mobiles
brevetti