Honor 20 Pro ufficiale: potenza e fotocamere a go-go. La nostra anteprima (foto e video)

Nicola Ligas -

Honor 20 Pro è modello di punta dell’azienda cinese, che per certi versi è la risposta casalinga a Huawei P30 Pro. Non fatevi ingannare però dalla parentela tra i due, perché Honor 20 Pro ha una sua identità ben distinta, data da delle caratteristiche che nemmeno l’illustre parente ha.

 Caratteristiche Tecniche

  • Schermo: 6,26” FHD+ (1.080 x 2.340 pixel, 412ppi, 91,6% screen to body ratio)
  • CPU: Kirin 980
  • RAM: 8 GB
  • Memoria interna: 256 GB
  • Fotocamera posteriore: 48 megapixel Sony IMX586, f/1.4 con OIS, EIS, AIS e PDAF + grandangolo da 16 megapixel, FOV 117°, f/2.2 + teleobiettivo da 8 megapixel, f/2.4, zoom ottico 3x, ibrido 5x, digitale 30x, con OIS e PDAF + 2 megapixel macro, f/2.4
  • Fotocamera frontale: 32 megapixel f/2.0, foro nel display di 4,5mm
  • Connettività: dual SIM, LTE Cat.21, Wi-Fi dual band, Bluetooth 5.0, GPS, Glonass, BeiDou, Galileo, QZSS, USB Type-C 2.0
  • Batteria: 4.000 mAh con Honor SuperCharge a 22,5W (50% in 30 minuti)
  • Dimensioni: 154,6 x 73,97 x 8,44 mm
  • Peso: 182 grammi
  • OS: Android 9 Pie con Magic UI 2.1

Il comparto fotografico è ancora una volta oggetto di grandi attenzioni, con la fotocamera principale dotata del rapporto focale record di f/1.4, per garantire la massima luminosità.

Non manca ovviamente l’assistenza dell’intelligenza artificiale: Ai Camera, AI Ultra Clarity Mode, AI Image Stabilization (AIS), AI Color mode ed AIS Super Night Mode. Quest’ultima modalità promette scatti in notturna ultra nitidi, luminosi e privi di rumore, grazie “alla tecnologia di stabilizzazione multi-frame AI e a un avanzato algoritmo”.

La modalità AI Ultra Clarity sfrutta invece la Dual NPU e la Dual ISP del Kirin 980 per creare una “Super Foto da 48 megapixel, la cui qualità supera quella delle immagini standard da 48MP”.

Lo zoom non arriva ai fasti di P30 Pro, ma può comunque godere di un 3x ottico e di un 5x ibrido che dovrebbe comunque garantire ottime prestazioni. E per i più creativi, c’è anche l’obiettivo macro, da usare a partire da 4 cm di distanza dal soggetto, per scatti particolari.

I video sono in 4K sul retro ed in full HD davanti, entrambi con il supporto EIS. Per approfondire ulteriormente il comparto fotografico, vi lasciamo un dettagliato comunicato stampa in italiano al riguardo a fine articolo.

LEGGI ANCHE: Honor 20: specifiche ed hands-on

Honor 20 Pro è inoltre dotato di un sistema di raffreddamento basato su fogli di grafene, che grazie alla sua elevata conduttività termica assicura una rapida dispersione del calore e quindi un efficace contenimento delle temperature.

Non manca GPU Turbo, qui nella sua versione 3.0, ottimizzata per giochi quali Fortnite, PUBG, Vainglory, Arena of Valor, NBA 2K18 e altri.

Virtual 9.1 Surround Sound è un nuovo sistema di ascolto in cuffia, che supporta tutti i tipi di auricolare, particolarmente immersivo, con suoni che provengono da tutte le direzioni, per esaltare sia l’esperienza di gioco che quella “cinematografica”.

Honor ha poi cercato di distinguere i propri top di gamma grazie al colore. Si tratta infatti dei primi smartphone dell’azienda con back cover in vetro olografico dinamico multidimensionale“. Realizzato con vari strati di vetro e con l’uso di nanotecnologie per incidere milioni di prismi in miniatura, il retro dello smartphone riflette la luce come nessun altro, donando un effetto di profondità caleidoscopico.

Da notare infine il lettore di impronte digitali, presente sul fianco destro dello smartphone, e facilmente raggiungibile con il pollice.

Uscita e Prezzo

Honor 20 Pro sarà disponibile in Italia nei colori Phantom Black e Phantom Blue, al prezzo di 599€, ma la data di commercializzazione è ancora incerta. Inizialmente si parlava di luglio, ma non è detto che la vicenda Huawei-USA non possa causare dei ritardi. A seguire il nostro hands-on dello smartphone, che come potete vedere è avvenuto già da qualche tempo.

Video Honor 20 Pro

Immagini Honor 20 Pro

HONOR serie 20: Capture Wonder

Continua l’ascesa del brand HONOR: con il lancio della nuova gamma di punta, la serie HONOR 20, il brand di smartphone dimostra il proprio impegno continuo per migliorare le funzionalità fotografiche offerte, rendendole pari a quelle di una fotocamera digitale professionale e posizionandosi così come un brand di punta nel settore.

Gli smartphone della serie HONOR 20 sono dotati per la prima volta di una fotocamera quadrupla, che potenzia significativamente le funzionalità fotografiche generali sia da un punto di vista di software che di hardware, offrendo un’esperienza d’uso eccezionale. In condizione di scarsa luminosità, di fronte ai monumenti più celebri o ai dettagli più impercettibili, ma non per questo meno importanti, la nuova Serie HONOR 20 ti permette di catturare i momenti più magici ovunque tu sia e in qualsiasi momento, offrendo funzionalità versatili per creare capolavori mai visti.

FOTOCAMERA QUADRUPLA AI DA 48MP: PER SCATTI DA PRO

La fotocamera posteriore della Serie 20 di HONOR debutta con un comparto fotografico da quattro obiettivi, mentre una serie di funzionalità avanzate offerte a livello di hardware permettono di liberare la propria creatività negli scenari di tutti i giorni.

Una delle caratteristiche più innovative e degna di nota è il grandangolo di HONOR 20 PRO, che con un’apertura da F1.4 – tra le più ampie del settore – permette un maggiore passaggio della luce attraverso l’obiettivo, ottimizzando il funzionamento generale della fotocamera in contesti a bassa illuminazione. Inoltre, sia la fotocamera principale da 48MP che quella a teleobiettivo offrono la stabilizzazione ottica dell’immagine, per scattare foto estremamente nitide persino quando non è possibile evitare che la fotocamera oscilli. Grazie all’autofocus laser, la fotocamera della serie HONOR 20 è in grado di reagire in modo rapido e accurato ai cambiamenti di inquadratura, aumentando la velocità automatica di messa a fuoco anche quando la luminosità non è ottimale.

L’ELABORAZIONE DELLE IMMAGINI SI EVOLVE, PER MIGLIORARE LA QUALITA’ DEI DATI

A livello di software, la serie 20 HONOR è in grado di potenziare le funzionalità fotografiche grazie all’utilizzo dell’intelligenza artificiale, che permette di scattare selfie senza perdere alcun dettaglio, di avere un look naturale sotto qualsiasi luce e di ottenere immagini a fuoco e nitide anche quando non c’è abbastanza luminosità. Tutte queste caratteristiche rappresentano un grande vantaggio per gli utenti, che possono godere di una tecnologia funzionale e di scatti pronti per la condivisione.

MODALITA’ AIS SUPER NIGHT

Rispetto alla fotografia diurna, gli scatti notturni richiedono una gestione più abile dell’illuminazione e del rumore.

Degno di nota è il fatto che la serie HONOR 20 offra la Modalità Notturna Super Definita AIS – una funzione che sfrutta tecniche avanzate di elaborazione dell’immagine basandosi su un potente hardware, per offrire scatti perfetti fino all’ultimo pixel e immagini brillanti anche in contesti di scarsa illuminazione.

La Modalità Notturna Super Definita AIS permette scatti notturni ultra-nitidi grazie alla tecnologia di stabilizzazione multi-frame, che si basa sull’apprendimento automatico. Anche negli attimi più concitati, questa tecnologia è in grado di analizzare i movimenti specifici della fotocamera, selezionando e combinando in modo intelligente svariate inquadrature e assicurando che il risultato sia il più a fuoco possibile. Si tratta di un’evoluzione della tecnologia HDR che assembla diversi scatti e utilizza un avanzato algoritmo per ottenere un’immagine più chiara, un rumore ridotto e un grado di conservazione del colore migliore.

Di seguito i quattro cruciali step messi in atto dalla Modalità Notturna Super Definita:

Step 1: Rilevamento dell’inquadratura manuale tramite AI

Quando si scatta in contesti di luminosità scarsa, il primo passo è stabilire se chi sta scattando lo sta facendo manualmente. La rilevazione del sensore Kirin 980 si attiva nel momento di apertura  dell’otturatore da parte dell’utente e analizza le informazioni fornite dal sensore giroscopico, da quello di gravità, oltre che dalle preview degli scatti.

Per garantire un risultato accurato, il team R&S  di HONOR ha raccolto decine di migliaia di dati, tra cui quelli relativi alle diverse abitudini di scatto degli utenti e le specifiche dei diversi modelli di treppiede, e ha condotto una serie di analisi e simulazioni, riuscendo infine a compiere le proprie rilevazioni in appena 0.2 secondi. Un metodo che, oltre a essere straordinariamente rapido, ha un grado di precisione di oltre il 98% (*i dati dei test sono forniti dai laboratori HONOR). gli smartphone della serie HONOR 20 sono in grado di stabilire se stai scattando manualmente o con un treppiede, il tutto in meno di 0.2 secondi dal momento in cui si attiva la Modalità Notturna Super Definita AIS.

Step 2: Rilevazione delle luci tramite AI

Il sistema di rilevazione della luce dotato di AI è in grado di configurare automaticamente i parametri di esposizione e il numero di fotogrammi sulla base delle informazioni acquisite dal rilevatore intelligente di scenari. Queste includono: la luminosità della preview dell’immagine, la distribuzione della fonte di luce, e le oscillazioni manuali al momento dello scatto.

Inoltre, i parametri di esposizione possono essere verificati automaticamente e adattati alle condizioni attuali. Quando la luce è maggiore e il movimento minimo, ci sarà un tempo di esposizione inferiore e un numero minore di fotogrammi, mentre scenari più bui e mossi risulteranno in una maggiore esposizione e quantità di fotogrammi. Il processo di rilevazione del tempo di esposizione e di illuminazione termina solo quando l’esposizione effettiva raggiunge i valori pre-settati, per garantire che lo scatto finale abbia catturato luce a sufficienza.

Step 3: Elaborazione delle immagini con AI, per foto sempre nitide

Non sempre si riesce a rimanere immobili, evitando fotografie mosse. Il sistema di elaborazione delle immagini dotato di AI procede in due fasi. Prima di tutto, le foto mosse vengono scartate a seguito di una valutazione del loro grado di nitidezza. Poi, il sistema di selezione delle immagini combina più di dieci fotogrammi dello stesso soggetto in un unico scatto, assicurando un risultato il più possibile a fuoco.

L’elaborazione delle immagini è un processo molto intensivo dal punto di vista computazionale. Ad esempio, l’allineamento di fotogrammi in un’immagine da 12MP richiede più di 12 milioni di test. Grazie al Dual-NPU embeddato nel chipset Kirin 980, la velocità di elaborazione delle immagini aumenta considerevolmente, così come le capacità di calcolo, che permettono l’elaborazione di una mole considerevole di dati.

Step 4: Composizione dell’immagine

Nel momento di composizione dell’immagine, la luminosità di ogni area viene valutata ed eventualmente perfezionata, grazie a un sofisticato algoritmo basato sull’intelligenza artificiale e reso possibile dalla Dual-NPU del chipset Kirin 980. Viene aumentata l’esposizione breve nell’area illuminata, per evitare la sovraesposizione, così come la luminosità nell’area relativamente scura.

Le immagini vengono inoltre analizzate pixel per pixel durante il processo di composizione, correggendo le differenze tra un fotogramma e l’altro per garantire un risultato finale nitido e chiaro. Si va infine ad agire sulla riduzione del rumore, così da avere scatti notturni con il grado di luminosità perfetto. Con l’avanzata tecnologia di elaborazione delle immagini, la serie HONOR 20 non solo illumina le vostre foto, ma offre dati estremamente accurati, per offrirvi ancora più modalità di utilizzo.

ULTRA CLARITY MODE AI DA 48MP

Dotata di un obiettivo principale IMX586 da 48MP, la quad camera da 48MP dotata di AI permette agli utenti di scattare fotografie estremamente chiare durante il giorno, soprattutto grazie alla modalità 48MP AI Ultra Clarity mode.

Le funzioni di apprendimento e la velocità di elaborazione delle immagini basate sull’intelligenza artificiale sono aumentate rispettivamente del 134% e del 46%, grazie alla dual-NPU e al dual-ISP offerti dal processore Kirin 980 a 7nm, anch’esso dotato di AI. Attivando questa funzionalità, la fotocamera riesce a scattare istantaneamente svariate immagini da 48MP. Poi la Dual NPA e il Dual-ISP di quarta generazione del processore Kirin 980 da 7nm con AI riuniscono i migliori dettagli di tutti questi scatti, creando una splendida foto. Si ha così una foto di qualità superiore a quelle scattate normalmente da una fotocamera a 48MP. I dettagli nelle zone d’ombra sono ottimizzati, e I colori vengono perfezionati per apparire più vividi.

Oltre a ciò, è ora disponibile anche una Modalità Pro, che permette agli utenti di salvare le proprie foto sia in formato RAW che come un più standard file JPG – un grosso vantaggio in termini di post-produzione. Il formato RAW rende infatti molto più semplice la gestione dei colori, della nitidezza e della luminosità.

APERTURA A F/1.4 E STABILIZZAZIONE OTTICA DELLE IMMAGINI: LA FOTOGRAFIA IN NOTTURNA DIVENTA UN GIOCO DA RAGAZZI

La luce è una componente fotografica fondamentale, ed è influenzata da due importanti variabili del modulo della fotocamera: apertura e grandezza del sensore. La prima regola la quantità di luce che attraversa l’obiettivo, mentre la grandezza del sensore controlla l’area della superficie fotosensibile, determinando quanti fotoni possono essere catturati ed elaborati.

Più semplicemente, più grande è l’apertura e maggiori sono le dimensioni del sensore, più luce è in grado di raggiungere l’obiettivo, per una migliore risoluzione e qualità dell’immagine. HONOR 20 PRO è dotato di un’apertura da F/1.4, la più ampia mai offerta da uno smartphone. In media, è in grado di garantire il 60% di luce in più, se paragonata con l’apertura standard F/1.8 generalmente presente sul mercato. Inoltre, il sensore IMX586 CMOS da 0.5 pollici garantisce performance eccezionali.

Aumentando la durata dell’assorbimento della luce, si migliora anche la qualità della fotografia notturna. In ogni caso, e come tutti avrete avuto modo di sperimentare, è praticamente impossibile avere un’esposizione senza un treppiede – nemmeno la presa più salda può garantire scatti sempre perfettamente a fuoco. Per risolvere questo problema, HONOR 20 PRO offre la straordinaria tecnologia di “stabilizzazione ottica dell’immagine su quattro assi”, che utilizza il giroscopio per identificare eventuali disallineamenti all’interno del fotogramma, e contrasta le immagini fantasma spostando la lente nella direzione opposta a quella della fotografia, garantendo immagini cristalline.

anteprima