Il top di gamma più “sensato” dell’anno: scopriamo ASUS ZenFone 6! (foto e video)

Nicola Ligas -

ASUS ZenFone 6 è lo smartphone più “sensato” di questo 2019. Anziché prendere di petto la concorrenza, cerca di offrire qualcosa di diverso e, dove possibile, di migliore. Parliamo ad esempio della batteria, che rinuncia alla ricarica ultra rapida, fermandosi a 18W, pur di aumentarne la capacità fino a 5.000 mAh, permettendovi finalmente di avere un top di gamma che possa superare la giornata.

E poi abbiamo il comparto fotografico. Vi viene in mente un altro top di gamma con soli 2 sensori? Per non parlare della fotocamera rotante. Quest’ultima vi permette non solo di usare le stesse fotocamere “principali” anche per i selfie, ma ASUS ha cercato di darle un senso aggiuntivo con alcune funzioni quali il tracciamento di un soggetto in movimento, o i panorami automatici (questi ultimi decisamente più utili della prima, che comunque funziona bene, pur con dei precisi limiti dettati dal fatto che la fotocamera può muoversi solo in una direzione).

Sotto la scocca batte uno Snapdragon 855 accompagnato da 6 oppure 8 GB di RAM e da vari tagli di storage, tutti espandibili. Lo schermo si ferma alla risoluzione FHD+, privilegiando la batteria, ma senza rinunciare ad un ampio spazio di colore (100% DCI-P3) ed al supporto HDR10 (ancora assente però la certificazione Netflix, ma dovrebbe essere questione di poco). Non punta insomma ad essere il display migliore che abbiate mai visto, ma è comunque uno schermo di pregio, che non dovrebbe deludervi nella maggior parte delle situazioni. E poi ci sono speaker stereo, auricolari 1MORE inclusi, un pulsante fisico personalizzabile ed un sistema in generale pulito, anche se forse un po’ troppo ricco di menu e sottomenu nelle impostazioni.

Anche il prezzo è ragionato, perché con soli 499€ potete portarvi a casa la versione da 6 GB di RAM, che sono più che sufficienti per la maggior parte degli utenti, e con 64 GB di storage, che in caso di necessità potete sempre espandere con microSD. Se pensate che Pixel 3a XL costa solo 20€ meno, la differenza tra le loro schede tecniche parla da sola. Ed a questo proposito, ASUS ha promesso che ZenFone 6 riceverà la beta di Android Q e che sarà tra i primi device ad essere aggiornati ad Android 10, quando disponibile. Inoltre ASUS ha già promesso anche l’update ad Android 11 R ed almeno 2 anni di aggiornamenti di sicurezza.

Qui sotto trovate quindi unboxing ed altre “prime impressioni”. Come spiegato ad inizio video, abbiamo deciso di non pubblicare subito una recensione completa, ma di provare ZenFone 6 ancora qualche giorno. Considerando gli impegni di questi ultimi giorni e soprattutto i continui aggiornamenti software ricevuti dallo smartphone, che hanno influito soprattutto sulla fotocamera, ci sembrava giusto aspettare.

anteprima