Honor 20 Pro sarà un flagship killer? La fotocamera è “epica”, secondo chi già l’ha provata (foto)

Enrico Paccusse -

A meno di una settimana dalla presentazione ufficiale dei nuovi Honor 20, esce un po’ a sorpresa su AndroidPolice una recensione anticipata dello smartphone di punta della serie, Honor 20 Pro, prevalentemente concentrata sull’estetica e sul comparto fotografico (a causa del poco tempo avuto a disposizione).

Per darvi un po’ di contesto vi ricordiamo che la serie in questione si prefigge l’obiettivo di mantenere bassi i costi, a differenza dell’Honor View 20, concentrandosi solo sugli aspetti fondamentali per la clientela odierna, come appunto la fotocamera.

LEGGI ANCHE: Le specifiche di Honor 20 (non Pro)

Avevamo già parlato di come il modulo a quattro componenti promettesse bene, ed ora abbiamo la conferma. Il rapporto focale f/1.4, unito alla tecnologia 4-in-1 Light Fusion, consentono alla lente Sony IMX586 da 48 MP di catturare scatti unici, anche in condizioni di scarsa luminosità. La modalità notte, già vista sulla serie View viene inoltre allargata alla lente grandangolare. Chiudono il cerchio le lenti per le macro e per lo zoom ottico 3x (il sensore ToF è assente, a favore di un autofocus laser).

Anteriormente lo schermo da 6,26 pollici ospita il “più piccolo foro sul display visto finora” dove c’è una fotocamera da 32 MP. Honor è così convinta delle potenzialità del dispositivo che ha lavorato con DxOMark per ottenere un punteggio nella sua speciale classifica.

LEGGI ANCHE: OnePlus 7 Pro: solo flagship, non più killer

Non ci sarà il riconoscimento dell’impronta sotto al display: in un’ottica di risparmio, la società ha deciso di optare per un pulsante fisico, presente a lato. Nessuna limitazione per i videogiocatori, con Honor che ha lavorato a stretto contatto con Epic (aka Fortnite) per consentire un’esperienza a 60FPS senza alcun intoppo.

Ultima menzione per il vetro posteriore, o meglio i vetri posteriori. Sono 3 strati sovrapposti e rendono l’aspetto di questo smartphone assolutamente unico (vedere qui sotto), anche se con il Nebula Blue visto ieri su OnePlus 7 Pro, la competizione è abbastanza dura.

Per tutte le altre specifiche tecniche, sulla componentistica interna di Honor 20 Pro, vi rimandiamo alla pagina di riferimento del dispositivo. A questo punto aspettiamo con trepidazione il 21 maggio, in attesa di un prezzo che potrebbero conferirgli la fascia da flagship killer, lasciata vacante da OnePlus.

Fonte: AndroidCentral