I giochi di luce della superficie posteriore di Honor 20 vi lasceranno a bocca aperta

Edoardo Carlo Ceretti - Grazie ad una complessa e sofisticata progettazione olografica con effetto dinamico in 3D.

È atteso per il 21 maggio il grande evento di presentazione che vedrà protagonisti i nuovi Honor 20 e Honor 20 Pro, eredi di una dinastia di smartphone che hanno fatto del rapporto qualità prezzo e della cura del design i loro tratti distintivi. Anche quest’anno la tradizione verrà rispettata, anzi i proverbiali giochi di luce della superficie posteriore in vetro raggiungeranno nuove sbalorditive vette.

Honor ha infatti annunciato che l’intuizione inaugurata con Honor 8, e poi proseguita negli anni successivi con Honor 9 e Honor 10, questa volta sconfinerà nella pura meraviglia, grazie alla nuova tecnologia Triple 3D Mesh. Si tratta di un processo avanzato e sofisticato per la realizzazione della superficie posteriore di Honor 20, composto da due fasi distinte e che combina più strati diversi, finalizzato a restituire effetti di profondità e tridimensionalità al vetro.

LEGGI ANCHE: Tutto sui nuovi OnePlus 7

La prima fase consiste nella creazione dello strato chiamato a conferire profondità, grazie ad un processo all’avanguardia che impiega le nanotecnologie per incidere milioni di minuscoli prismi, che migliorano l’effetto di rifrazione e riflettono la luce esattamente negli angoli calcolati dagli ingegneri di Honor. Nel corso della seconda fase, vengono assemblati gli altri due strati che compongono la superficie posteriore, uno in vetro e l’altro rivestito di una rosa di 20 colori, fra cui spiccherà lo storico Phantom Blue, per giochi di sfumature uniche uniti all’effetto profondità olografico.

Per quanto concerne le specifiche, Honor ha confermato la presenza di un display da 6,26 pollici all-view, che occuperà il 91,6% della superficie frontale. Il lettore di impronte sarà invece posizionato sul lato destro della cornice in alluminio, mentre gli obiettivi delle fotocamere saranno disposti asimmetricamente a L, per consentire l’adozione di una batteria più capiente. Curiosi di scoprire tutto su Honor 20 e Honor 20 Pro? Ancora una settimana di attesa, rimanete sintonizzati sulle nostre pagine per tutte le novità in anteprima.

HONOR presenta il nuovo flagship della serie HONOR 20  

Una progettazione all’avanguardia: la magia del design olografico dinamico

 

Mentre i brand di tutto il mondo si concentrano sul superamento dei limiti della funzionalità degli smartphone, HONOR è alla ricerca di un compromesso tra funzionalità ed estetica. HONOR 20 ridisegna l’esperienza utente diventando il primo smartphone nella storia di HONOR a introdurre un dorso in vetro olografico dinamico multidimensionale.

 

Il dorso in vetro olografico dinamico multidimensionale è stato realizzato attraverso il processo a due fasi Triple 3D Mesh, per la prima volta reso possibile dalla tecnologia di HONOR. Lo strato di profondità viene creato con una tecnica precisa, ed è composto da milioni di prismi in miniatura che assomigliano a frammenti di diamanti.

 

Al termine di questo processo complesso, i progettisti lo combinano con altre due superfici: il primo strato è quello di vetro, mentre il secondo è rivestito con le tonalità dei prossimi 20 colori HONOR che saranno rivelati in occasione dell’evento di lancio del 21 maggio. Il risultato è un effetto ottico che induce profondità, distinguendo la serie HONOR 20 dai suoi predecessori.

 

La filosofia di design di HONOR ispirata ai principi del migliorarsi costantemente

 

“La filosofia di HONOR basata sul principio di migliorarsi costantemente si riflette in tutto ciò che creiamo. L’ultima tecnologia Triple 3D Mesh di HONOR è frutto di un processo di manifattura artigianale all’avanguardia. Il suo processo di assemblaggio è estremamente preciso e complesso ed è stato presentato per la prima volta a bordo della serie HONOR 20 e nel settore. Solo 20 degli oltre 100 strati posteriori prodotti, soddisfano i nostri severi standard. Nonostante l’enorme sfida che questo comporta, HONOR è ancora impegnata a creare un dorso in vetro con questa tecnica. Siamo motivati ad offrire il meglio ai nostri utenti” – George Zhao, presidente di HONOR.

HONOR è nota per aver guidato la rivoluzione del design con una tecnologia all’avanguardia, a partire da HONOR 8 con dorso in vetro 2.5D e HONOR 9 in un coinvolgente design curvo 3D. HONOR 10 ha poi introdotto il design Aurora – una sfumatura di colore iridescente che ha abbagliato il mondo. Con la serie HONOR 20, HONOR è pronta a spingere i propri sforzi ingegneristici al limite del gioco di luce e del design innovativo per creare il suo primo design olografico dinamico, insieme al colore che contraddistingue il design HONOR.


La meraviglia del design e delle caratteristiche ispirate alle esigenze degli utenti 

 

La filosofia di design di HONOR spinge il brand ad andare oltre il design strutturale e cromatico del design olografico. La serie HONOR 20 vanta un display all-view da 6,26″ con un rapporto schermo/corpo del 91,6%. Abbinato a una fotocamera da 4,5 mm, il display all-view consente un’esperienza visiva ancora più coinvolgente senza compromettere l’estetica.

 

A differenza dei suoi predecessori, i bordi sono stati levigati per un design più elegante. Questo comporta l’attento posizionamento del sensore di impronte digitali sul lato destro del telaio in alluminio per completare il naturale posizionamento delle dita quando si solleva lo smartphone. La superficie anti-impronte assicura che il telefono sia sempre in perfette condizioni. Non solo lo schermo curvo fornisce una migliore ergonomia, ma sfrutta anche tutte e tre le dimensioni del telefono: lunghezza, larghezza e altezza per migliorare l’esperienza visiva complessiva.

 

Il posizionamento asimmetrico a “L” degli obiettivi della fotocamera migliora la prodezza tecnologica di HONOR 20 perché permette di avere una batteria di dimensioni maggiori pur mantenendo l’estetica olografica del design.

 

La serie HONOR 20 “Capture Wonder” verrà presentata ufficialmente in occasione dell’evento di lancio e rivelerà molte altre caratteristiche della fotocamera e colorazioni, martedì 21 maggio.

 

Per ulteriori aggiornamenti, consultate il sito web hihonor.com e i canali social di HONOR.

###

HONOR 20 Series: Capture Wonder

La filosofia di design di HONOR ispirata ai principi del migliorarsi costantemente

“La filosofia di HONOR basata sul principio di migliorarsi costantemente si riflette in tutto ciò che creiamo. L’ultima tecnologia Triple 3D Mesh di HONOR è frutto di un processo di manifattura artigianale all’avanguardia. Il suo processo di assemblaggio è estremamente preciso e complesso ed è stato presentato per la prima volta a bordo della serie HONOR 20 e nel settore. Solo 20 degli oltre 100 strati posteriori prodotti, soddisfano i nostri severi standard. Nonostante l’enorme sfida che questo comporta, HONOR è ancora impegnata a creare una back cover in vetro con questa tecnica. Siamo motivati ad offrire il meglio ai nostri utenti” – George Zhao, presidente di HONOR.

La magia della progettazione olografica con effetto dinamico – Tecnologia Triple 3D Mesh leader del settore

Definizione Triple 3D Mesh: Un processo avanzato a due fasi che combina più strati, tra cui vetro, colore e profondità in un unico vetro curvo 3D.

La serie HONOR 20 continua l’esplorazione di HONOR sul gioco di luce. Profondamente impegnato a spingere i confini del design degli smartphone, il team di ingegneri di HONOR non si accontenta dell’effetto ottico 2D ormai comune nell’industria degli smartphone e fa un ulteriore passo avanti per creare il design 3D multidimensionale – in particolare il design olografico con effetto dinamico presentato per la prima volta in HONOR 20 Series.

Il design olografico stupisce con il suo effetto ottico e profondità, reso possibile dal processo di assemblaggio più all’avanguardia esistente sul mercato – Triple 3D Mesh. Triple 3D Mesh si compone di due fasi: la creazione dello strato di profondità e la fusione perfetta degli strati di vetro, colore e profondità.

Fase 1 – Creazione dello strato di profondità

Lo strato di profondità è meticolosamente realizzato attraverso una tecnologia d’avanguardia del settore, utilizzando le nanotecnologie più avanzate per incidere milioni di prismi in miniatura che assomigliano a frammenti di diamanti. Rispetto all’incisione laser, la nanotecnologia può raggiungere la stessa uniformità in ogni prisma, contribuendo al miglior effetto di rifrazione. Mentre la luce passa attraverso i prismi nello strato di profondità, viene riflessa e rifratta negli angoli esatti calcolati dal team di ingegneri HONOR. Il risultato ricorda l’effetto ottico creato da fasci di luce che accarezzano l’oceano, dando allo spettatore una impressione di profondità.

Fase 2 – L’assemblaggio di strati di vetro, colore e profondità

Al termine di questo processo, i progettisti combinano lo strato di profondità con altre due superfici: il primo strato è il corpo in vetro, mentre il secondo strato è rivestito con la tonalità del Phantom Blue e i 20 colori HONOR che saranno svelati all’evento di lancio del 21 maggio.

Simile alla lavorazione artigianale dello strato di profondità, il processo di combinazione dei tre strati è una tecnica fondamentale per generare l’effetto che induce la profondità. Prima del processo di fusione dei tre strati, l’aggiunta dello strato di colore è vitale per evidenziare il senso di profondità. Immaginate di aggiungere una goccia di colorante alla superficie dell’oceano: mentre la goccia di colore si disperde, introduce il senso di profondità alla superficie con diverse gradazioni e sfumature.

Tuttavia, gli strati di profondità, colore e vetro sono superfici curve, il che pone enormi sfide nel processo di assemblaggio, tanto da non riuscire a trovare una soluzione che soddisfacesse appieno il team di ingegnieri HONOR fino alla serie HONOR 20. Gli sforzi intrapresi in termini di ricerca e sviluppo li hanno portati a utilizzare una complessa tecnica del vuoto, fondendo i tre strati in un ambiente sottovuoto per evitare la formazione di bolle d’aria sulla superficie dei tre strati.

Il team di ingegneri ha anche creato un braccio meccanico personalizzato per questa procedura di assemblaggio. Il braccio fissa la posizione del dorso di vetro e posa lo strato di profondità in orizzontale con un preciso controllo della temperatura. La profondità riscaldata e lo strato di colore sono quindi posizionati sopra il dorso di vetro sotto una pressione esatta. La sfida sta nel rigoroso controllo della temperatura e della pressione.