La modalità incognito è in arrivo su Google Maps (e su tutte le app Google)

Giuseppe Tripodi

In mezzo a tutte le novità annunciate a questo Google I/O, ci sono anche piccoli cambimenti relativi alla gestione della privacy, che l’azienda di Mountain View ha provato a semplificare.

In primo luogo, da tutte le principali app Google sarà immediato accedere alla gestione dell’account (e le relative impostaizoni sulla privacy). A prescindere dal software, basterà cliccare sull’avatar circolare in alto a destra e cliccare su Gestisci Account Google.

Questa funzione dovrebbe esser già attiva su Gmail Drive, Contatti e Google Pay, ma arriverà a fine mese anche su Google Search, Maps, YouTube, Chrome, News e Assistente Google.

Dopo questo Google I/O sarà anche più facile gestire i propri dati e avere maggior privacy in diverse applicazioni dell’ecosistema Google: proprio come avviene adesso per la ricerca, anche su Maps, Google Assistant e YouTube sarà possibile cancellare singole informazioni direttamente dall’applicazione.

Qualora ve le foste perse, ci sono poi novità relative alla cancellazione automatica dei contenuti, come abbiamo già raccontato la settimana scorsa.

LEGGI ANCHE: Recensione Pixel 3a XL

E poi c’è la modalità incognito per tutte le app Google: divenuta famosa per Chrome, questa modalità permette di usare l’app senza conservare i dati relativi all’utilizzo. Fino ad oggi questa possibilità era esclusiva per il browser, ma da adesso è disponibile anche su YouTube e arriverà breve anche su Maps e Search.

Inoltre, grazie ad un nuovo approccio al machine learning (battezzato federated learning), Google sostiene di poter addestrare IA ancora più precise con meno dati, e senza che questi dati debbano lasciare lo smartphone.

Google fa un esempio con Gboard, la tastiera che suggerisce parole da utilizzare in base alle abitudini di utilizzo: fino ad ora, Gboard poteva prevedere parole particolari (come ad esempio “Targaryen”) solo se l’utente digitava questi termini diverse volte. Grazie al nuovo sistema di machine learning, invece, Gboard è in grado di suggerire Targaryen anche se l’utente non l’ha mai scritto (basandosi sull’utilizzo in tutto il mondo); il tutto, senza che questo specifico termine venga associato con un utente.

Fonte: Google