Google Shopping si prepara a fare concorrenza a IKEA: i mobili subito a casa vostra, in realtà aumentata

Enrico Paccusse

Ad oggi, la realtà aumentata è uno di quei settori che, per quanto affascinante, manca ancora di casi pratici di utilizzo per le masse. Google sta però lavorando alacremente per far sì che questa tecnologia abbia il successo che merita. La creazione di ARCore (datata agosto 2017), l’SDK proprietario per applicazioni in realtà aumentata, ha di fatto dato vita ad un hub molto importante per riunire sviluppatori e creare uno standard per tutto il settore Android (vi ricordiamo che anche Apple ha il suo ARKit).

LEGGI ANCHE: Huawei P30 e P30 Pro supporteranno ARCore

L’ultima novità riguarda lo shopping online: nell’ultima versione dell’applicazione Playground (nota in passato come “AR Stickers”) disponibile sui Google Pixel è infatti presente (ma nascosta al grande pubblico) una funzionalità che permette di visualizzare alcuni prodotti in vendita su Google Shopping direttamente ricreati tramite la fotocamera nell’ambiente di casa propria.

I primi oggetti a ricevere questo “trattamento speciale” sono ovviamente stati quelli d’arredamento. Immaginate di voler comprare una lampada e di essere indecisi sulle sue dimensioni e sul suo design. Beh, in questo modo potrete direttamente posizionare la lampada che desiderate sul tavolo e capire se effettivamente faccia al caso vostro.

LEGGI ANCHE: Cosa ha in mente Apple per i suoi occhiali AR

Gli oggetti potranno poi essere spostati in giro per casa e orientati a proprio piacimento (l’unica cosa che non potrete fare è ingrandirli o rimpicciolirli, dato che saranno in scala 1:1). Qui sotto trovate un video realizzato da XDA che prende come esempio un tavolo.

Come anche sottolineato da XDA, questa funzione non è disponibile per tutti e potrebbe volerci un po’ prima che Google la renda accessibile al grande pubblico. Vi segnaleremo eventuali aggiornamenti. Nel frattempo, fateci sapere quali attività pensate possano beneficiare maggiormente dall’espansione della realtà aumentata (non vale dire i filtri AR di Instagram e Snapchat).

Via: XDA