Annunci che monetizzano usando le risorse del nostro smartphone: la truffa dalla quale difendersi

Vincenzo Ronca

Gli annunci pubblicitari sono ormai molto diffusi sul web, sia su piattaforma desktop che su quella mobile, e pertanto anche nelle app che usiamo con i nostri smartphone. Data la loro diffusione sono diventati uno dei mezzi preferiti dai furboni che mirano a lucrare a scapito degli utenti.

Questo principio è alla base della recente truffa scovata BuzzFeed: una società che piazzava degli annunci pubblicitari pesanti in termini di elaborazione computazionale, tali da monetizzare usando le risorse hardware dei dispositivi sui quali venivano eseguiti. Gli annunci avevano come target i classici banner pubblicitari ospitati nelle app Android.

LEGGI ANCHE: Galaxy S10 vs S10+ vs S10e, il confronto

Non solo i singoli utenti, che si ritrovavano con uno smartphone apparentemente poco potente ed una batteria con meno autonomia, sono stati danneggiati da questa truffa: anche gli sviluppatori e le società che gestiscono i banner pubblicitari non ne hanno giovato. I primi perché hanno ricevuto numerose lamentele riguardo al costo computazionale delle loro app ed i secondi perché vendendo dei banner economici hanno permesso dei guadagni molto più grandi.

Per ulteriori informazioni sulla vicenda, vi rimandiamo al report completo sulla truffa redatto da BuzzFeed disponibile a questo indirizzo.

Via: The VergeFonte: BuzzFeed News