Se volete personalizzare la nav bar di Android Q e sbarazzarvi del tasto indietro, questa è la guida che cercate

Edoardo Carlo Ceretti

Come tutte le Developer Preview, anche la prima di Android Q si è rivelata una miniera d’oro di piccole novità che potrebbero – oppure no – farsi largo fino alla release stabile della nuova versione del robottino verde. Fra queste, potrebbero essere all’orizzonte alcune modifiche alla barra di navigazione, già rivoluzionata in Android Pie. In particolare, il tasto indietro – che ora appare soltanto quando ce n’è davvero bisogno – potrebbe scomparire del tutto, in favore di un approccio full gesture. Se volete un assaggio di ciò, continuate a leggere.

Già, perché in questa prima beta di Android Q, Google ha nascosto la possibilità di personalizzare più profondamente la nav bar, modificando il comportamento di alcune gesture e, soprattutto, facendo sparire il vecchio tasto indietro. Con il nuovo metodo, per impartire il comando indietro è sufficiente uno swipe verso sinistra sull’unico tastino centrale. Una soluzione effettivamente sensata, che Google potrebbe anche promuovere in vista del rilascio stabile.

LEGGI ANCHE: Abbiamo provato la prima beta di Android Q (video)

Se volete cimentarvi nella prova di queste gesture rinnovate, dovete possedere un Pixel con installata la prima beta di Android Q, un computer con ADB configurato e munirvi di un po’ di pazienza per provare alcune delle combinazioni possibili di configurazione delle gesture, che trovate spiegate in questa guida. Non temete però, nel caso le novità non facessero al caso vostro, sono indicati anche i comandi per tornare alla situazione di partenza.