Mozilla lancia Fenix, il nuovo browser per Android che rivoluziona la gestione delle pagine (foto e APK download)

Roberto Artigiani

Non si può certo dire che Firefox se la passi bene su Android: con una percentuale di mercato ben al di sotto dell’1% è chiaro che Mozilla deve provare qualcosa di nuovo per smuovere le acque. In questo senso tempo fa erano emersi diversi indizi che lasciavano pensare che un nuovo progetto stesse prendendo forma. Dopo che negli ultimi mesi Firefox su Android non ha praticamente ricevuto aggiornamenti oggi scopriamo che Fenix sta per arrivare.

Si tratta di una rivisitazione dell’esperienza di browsing che segue le ultime tendenze tracciate anche da Google con Duet. Essenzialmente è un nuovo browser ricostruito dalle fondamenta sulla base del motore GeckoView e degli Android Components sviluppati da Mozilla.

La prima particolarità di Fenix è che la barra di navigazione è posizionata in basso, laddove è più facile da raggiungere anche sugli schermi sempre più grandi degli ultimi smartphone. Non solo gli elementi dell’interfaccia si trovano nella parte inferiore, ma le interazioni avvengono tramite swipe verso l’alto che permettono di scoprire ulteriori azioni.

LEGGI ANCHE: La nostra prova della prima beta di Android Q

Non c’è un tasto home perché non esiste una vera e propria home. La schermata principale infatti riepiloga i tab aperti. Proprio la gestione dei tab è forse la novità più rilevante: ogni volta che l’app viene chiusa tutte le pagine rimaste aperte vengono salvate in una “sessione”. All’apertura successiva questa sessione così come tutte le precedenti eventualmente salvate possono essere recuperate oppure se ne può iniziare una nuova.

Inoltre le singole pagine possono essere salvate manualmente e ogni sessione può anche essere condivisa tramite Firefox Sync con altri utenti oppure chiusa. Forse non si tratta di una funzione che troverà grandi applicazioni, ma rimane comunque una direzione ammirevole e originale.

Fenix è ancora nel pieno dei lavori di sviluppo, ma se siete curiosi potete già scaricare l’APK della versione nightly da qui (scegliete la versione arm/aarch64/x86 appropriata per il vostro dispositivo dalla colonna di destra). Qui sotto invece trovate alcune schermate dimostrative e la schematizzazione delle funzioni di cui abbiamo parlato.

 

Via: Android Police, GHacksFonte: Sören Hentzschel, Techdows