Android Q porta ancora più privacy, ma preparatevi a dire addio ai Clipboard Manager

Roberto Artigiani

La prima versione beta di Android Q è tra noi da poche ore e gli appassionati di mezzo mondo stanno ancora cercando di scoprirne le novità. Se però tutti pensavamo che Android P rappresentasse un bel passo avanti per la protezione della privacy degli utenti, beh pare proprio che il prossimo aggiornamento lo sarà ancora di più.

Dalle prime prove effettuate dai colleghi del team XDA infatti appare che Android Q impedirà alle app che girano in background di accedere al contenuto della clipboard. In altre parole in futuro solo le applicazioni di inserimento testo – anche dette IME, come le tastiere – potranno richiedere l’accesso ai dati che contenuti nella clipboard, ossia tutti i testi che copiamo per poi incollare da qualche parte comprese le password.

LEGGI ANCHE: La nostra prova della prima beta di Android Q

Google afferma che questa limitazione vale solo per le app che sono aggiornate alle API di Android Q, ma dai test sembra invece colpire tutte le applicazioni. E se da un lato la cosa è sicuramente positiva in termini di sicurezza, dall’altro probabilmente la novità creerà difficoltà a diversi sviluppatori di terze parti.

Via: XDA Developers