Google Pixel 3 XL Lite rispunta su Geekbench con un paio di (grandi) smentite (foto)

Matteo Bottin

Continua l’odissea dei Google Pixel 3 Lite. Dopo aver visto tutta una serie di specifiche tecniche, ipotesi di quantitativi di memoria RAM maggiori dei modelli “non Lite” (poi smentiti) e il quasi-vicino lancio in India, ora si torna a parlare di loro grazie ad un nuovo benchmark di Geekbench. E non ci sono buone notizie.

Il benchmark riguarda uno smartphone chiamato Google Pixel 3 Lite XL (ok, c’è un po’ di disordine nei nomi, ma non è il caso di sindacare su questo, giusto? ndr), il quale getta parecchie ombre rispetto a quanto visto in precedenza.

Innanzitutto, il risultato del benchmark è decisamente diverso da quello già visto: 866 punti in single core e 4.272 in multi core (contro i 1.640 e 4.973 dell’ultima volta). Come può essere spiegata questa discrepanza? Semplice: anche l’hardware è diverso. Troviamo infatti appena 3 GB di RAM (invece di 4) ed uno Snapdragon 625 (MSM8953) invece dello Snapdragon 670.

LEGGI ANCHE: Recensione Samsung Galaxy S10e

Quindi di cosa stiamo parlando? Il Pixel 3 XL Lite è stato depotenziato? Si tratta di un’altra variante? Soltanto uno “scherzo” di qualche bontempone? Tutta questa storia fa venire dei dubbi, soprattutto considerando che stiamo parlando di un processore che ormai ha fatto il suo tempo. Cosa ne pensate?

Via: Nashville Chatter