Come Google Play Protect ci tiene sempre al sicuro: attivazione di default, avvisi per le app insolite e non solo (foto)

Vincenzo Ronca

Google Play Protect è lo strumento sviluppato e messo a disposizione da Google per assicurarsi che la sua piattaforma di app, l’immenso Play Store, sia esente da possibili minacce per la sicurezza e privacy degli utenti. Durante lo scorso lo strumento è stato ulteriormente sviluppato adottando diverse nuove misure di sicurezza.

Google Play Protect è ormai abilitato di default su tutti i dispositivi che usano i servizi Google, Play Store in primis. Chiaramente gli utenti possono disattivarlo in qualsiasi momento. Inoltre, lo strumento ora ci avvisa quando stiamo per installare delle app insolite, ovvero delle app installate da un numero esiguo di utenti, suggerendoci di verificare ulteriormente la fonte: Google ha stimato che un avviso del genere è stato mostrato 100.000 volte nel 2018.

LEGGI ANCHE: Huawei Mate X, la nostra anteprima

Google Play Protect ha sviluppato anche una forma di avvisi contestuali per renderli più efficaci: questi si presentano, ad esempio, quando un’app potenzialmente dannosa sta per essere eseguita sul dispositivo (esempio in galleria). Considerando casi più estremi, Play Protect è ora in grado anche di impedire l’esecuzione di app giudicate dannose, quelle app che non rientrano nelle norme di privacy e sicurezza messe a punto da Google.

Le app giudicate non a norma non verranno direttamente rimosse dal device ma ne verrà impedita l’esecuzione automatica o accidentale, il tutto corredato da un avvertimento che presenterà anche l’opzione per disinstallarla.

Fonte: Android Developers Blog