I Nokia sono i più aggressivi nella gestione delle app in background? HMD risponde (a mezza bocca) (foto)

Roberto Artigiani

Un paio di settimane fa vi abbiamo riportato la notizia di un gruppo di sviluppatori che, stanchi di vedere le proprie app castrate da una gestione di risparmio energetico troppo aggressiva, si erano organizzati mettendo su un sito in cui davano i voti ai vari produttori. Al di là dei demeriti di Android infatti alcuni produttori ce mettono del loro per prolungare la vita della batteria terminando in maniera forzata le applicazioni in background e limitandone cos’ l’uso oltre che l’esperienza utente.

In cima alla lista dei “cattivi” c’erano proprio i telefoni Nokia prodotti da HMD. L’azienda in particolare è stata contattata dai tipi dietro al sito Nokia Mob con un’email in cui chiedevano spiegazioni sulla gestione aggressiva dei processi in RAM. Tuttavia la risposta, anche se non si è fatta attendere, non ha gettato maggiore luce né contribuisce a comprendere più a fondo il meccanismo e le scelte che hanno portato a questo tipo di gestione.

LEGGI ANCHE: Le prime novità di Android Q

Tutto quello che ci viene detto è che si sta analizzando la questione e nulla più. Abbiamo comunque la sensazione che torneremo a parlarne presto. Continuate a seguirci per non perdervi i prossimi sviluppi sul tema.

Via: Nokia Mob