Samsung sta pensando ad un’innovativa “interfaccia a bolle” per foto e video a 360° in VR (foto)

Vezio Ceniccola

Tra i tanti brevetti a marchio Samsung pubblicati di recente, uno dei più curiosi riguarda una particolarissima interfaccia a bolle, in grado di migliorare e semplificare la visione di contenuti a 360° in realtà virtuale e non solo.

Le immagini che trovate in galleria descrivono in maniera intuitiva il funzionamento. Indossando un visore VR è possibile visualizzare una costellazione di bolle, che corrispondono ai diversi video, foto e altri contenuti a 360°. Le bolle sono sparse intorno all’utente, il quale può interagire con loro tramite uno schermo touch – come ad esempio quello dello smartphone – o direttamente controlli in-air, vale a dire “toccando” le bolle in realtà virtuale.

Secondo le informazioni contenute nel brevetto, è possibile utilizzare diversi controlli sulle bolle e sui contenuti visualizzati, effettuando tap, clic, pinch, stretch e tante altre gesture tipiche delle normali interfacce per smartphone. La differenza è che, in questo caso, tutto avviene in tre dimensioni, dando una maggior libertà di interazione all’utente.

Le bolle possono essere raggruppate e classificate a seconda di data, tempo, localizzazione o altre categorie. Come accade per qualsiasi foto e video, anche questi contenuti a 360° possono essere editati e pubblicati sui social, oppure condivisi con i propri amici sulle app di messaggistica.

LEGGI ANCHE: Samsung sogna uno smartphone davvero borderless

Si tratta di una tecnologia innovativa, abbastanza originale per l’utilizzo dei controlli e la capacità d’interazione. Il brevetto è stato registrato a settembre 2017, ma per adesso non sembrano esserci ancora notizie riguardo ad una sua possibile applicazione su un nuovo prodotto. Il nuovo visore VR di Samsung avrà proprio quest’interfaccia a bolle? I prossimi mesi potranno chiarire ogni dubbio.

Fonte: Patently Mobile