Sparito ogni riferimento ai 2 anni di major update dal sito di Android One (aggiornato: possibile replica di Google)

Edoardo Carlo Ceretti Alcuni utenti si sono accorti della scomparsa dei riferimenti ad uno dei maggiori cavalli di battaglia del progetto Android One: ci sarà da preoccuparsi?

Se seguite assiduamente le nostre pagine e vi interessate in particolare degli smartphone dotati di Android stock, avrete ben in mente la parabola di Android One. Un progetto fortemente voluto da Google per diffondere il verbo del robottino verde anche in mercati emergenti, salvo poi trasformarlo in una sorta di redivivo programma Google Play Edition (ve lo ricordate?), anche per non pestare i piedi al nuovo Android Go.

Ecco dunque arrivare, anche sui mercati principali, dispositivi dotati di Android in versione puramente stock – Xiaomi Mi A1 è stato uno degli apripista di questa svolta – che promettevano non soltanto un’esperienza vicina a quella che Google offre sui suoi Pixel, ma anche avanzamenti di versione di Android per almeno 2 anni e rilascio mensile delle patch di sicurezza per almeno 3 anni. Una di queste ultime due promesse però, potrebbe essere stata tacitamente messa in discussione da Big G.

LEGGI ANCHE: Xiaomi Mi A2 Lite, la recensione

Alcuni utenti si sono infatti accorti che, dalla homepage del sito ufficiale di Android One, sono spariti tutti i riferimenti relativi ai major update di Android nell’arco di 2 anni dal lancio sul mercato, lasciando invece inalterato il dettaglio relativo alle patch di sicurezza mensili, seppur relegato ad una minuscola annotazione in fondo alla pagina.

Vien da sé che tanti possessori di smartphone Android One – che nell’ultimo anno sono cresciuti molto, specialmente grazie ai modelli lanciati da Xiaomi, Motorola e Nokia – si siano lasciati andare ad allarmate e amare considerazioni sulla possibile fiducia tradita da parte di Google, temendo che i loro dispositivi possano vedere interrotto il supporto ben prima dei 2 anni promessi.

Al momento tuttavia, non esistono reali e fondate evidenze che possano portare a pensare che Google abbia deciso di cambiare i termini del programma Android One, anche se derubricare la faccenda ad una semplice svista, sarebbe ugualmente ingiusto. Potrebbe darsi che, dato che i produttori che hanno deciso di abbracciare il progetto Android One siano ormai molto numerosi, Google non possa più garantire che ciascun produttore si impegnerà a rispettare la promessa, anche perché ogni aggiornamento rilasciato richiede di essere sviluppato di concerto da Big G e dai produttori stessi, che dunque hanno un ruolo tutt’altro che secondario.

Qualunque sia il motivo dietro a questa mossa di Google, rimane spiacevole che gli utenti vengano lasciati all’oscuro di ciò che bolle in pentola, quando invece meriterebbero di sapere – nel bene e nel male – eventuali cambiamenti di politica relativi a dispositivi per i quali hanno di recente sborsato cifre non proprio trascurabili. Speriamo quindi che il colosso di Mountain View possa chiarire la questione nel prossimo futuro.

Aggiornamento29/12/2018

Pochi giorni dopo che la notizia della sparizione di ogni riferimento ai 2 anni di aggiornamenti sul sito ufficiale Android One ha iniziato a circolare in tutto il mondo, Google potrebbe aver replicato sulla questione, come riportato da India Today.

Big G avrebbe assicurato attuali e futuri possessori di smartphone Android One che nulla è cambiato per quanto riguarda il requisito imposto ai produttori circa i 2 anni di major update per ciascun dispositivo appartenente al programma. La rimozione dal sito web non avrebbe dunque a che fare in alcun modo con cambiamenti di politica di tale entità. Prima di considerare chiusa la questione però, attendiamo una conferma su scala internazionale da parte di Google.


Via: Reddit, XDA DevelopersFonte: Android One, Web Archive, India Today