Le criptovalute al sicuro nei prossimi Galaxy: Samsung ci sta lavorando su (aggiornato)

Nicola Ligas -

Blockchain KeyStore, Blockchain key box e Blockchain Core: sono questi i tre marchi che Samsung ha recentemente chiesto di registrare nell’Unione Europea, e non è difficile immaginare dove l’azienda coreana voglia andare a parare.

Dopo il lancio di HTC Exodus infatti, ci aspettavamo che altri avrebbero seguito le orme di HTC, ed a quanto pare Samsung potrebbe essere uno di questi. La descrizione dei tre termini lascia infatti poco spazio alle interpretazioni: “Smartphones; Software applications for use with mobile devices; Computer software platforms; Application software“; insomma, una blockchain app. 

Ovviamente è facile pensare a Galaxy S10, ma non è detto che sia per forza lui che ha in mente Samsung. Del resto il mercato delle criptovalute non è una cosa mainstream, e se da una parte sarebbe una funzione in più per distinguere ulteriormente il suo top di gamma dalla concorrenza, dall’altra potrebbe anche non valere la pena investirci troppo. Voi cosa ne pensate?

Aggiornamento12/12/2018

In base ad un’esclusiva di SamMobile, Samsung sta davvero sviluppando un’app che offra un “cold wallet” (ovvero non connesso) per bitcoin ed altre criptovalute. AL suo fianco ci sarà anche un “hot wallet” da usare per trasferimenti e altre attività. Il nome di queste app non è ancora stato finalizzato, così come la loro presenza o meno già a bordo di Galaxy S10, ma prima o poi sembra indubbio che arriveranno comunque. Abbiamo di conseguenza aggiornato il titolo dell’articolo.

Via: Galaxy Club