Questo sarà OnePlus 6T McLaren Edition con 10 GB di RAM e Warp Charge (foto e video)

Vezio Ceniccola - Secondo i rumor, il nuovo modello avrà un hardware ancora più top e sarà dotato di un inedito sistema di ricarica rapida

Se siete in attesa di novità per quanto riguarda la collaborazione speciale tra OnePlus e McLaren, forse questo potrebbe essere il vostro giorno fortunato. Un nuovo tweet comparso sull’account ufficiale della società cinese ha svelato un dettaglio che chiarisce il punto centrale della partnership e, soprattutto, spiega il riferimento alla velocità: dovrebbe essere in arrivo un nuovo tipo di ricarica rapida. Inoltre, altre foto leak hanno confermato la presenza di un’inedita edizione speciale di OnePlus 6T, che indosserà nuovi colori per l’occasione.

I riferimenti alla nuova tecnologia portano la mente verso il cosiddetto “Warp Charge“, il nuovo standard già avvistato lo scorso luglio che potrebbe presto prendere il posto del sistema di ricarica Dash Charge, tradizionalmente utilizzato da OnePlus su tutti i suoi modelli più recenti.

Una delle immagini mostrate nei leak svela che, grazie a questo nuovo sistema, sarà possibile ottenere un giorno d’autonomia con soli 20 minuti di ricarica. Un passo in avanti importante rispetto ai precedenti slogan: con Dash Charge lo stesso risultato si poteva ottenere in 30 minuti di ricarica.

Le soprese, comunque, potrebbero non finire qui. Come si vede nelle altre foto trapelate in rete, OnePlus tirerà fuori dal cilindro anche un’edizione speciale di OnePlus 6T da ben 10 GB di RAM e 256 GB di memoria interna, dedicata ai colori della casa di Woking e dotato proprio del nuovo sistema Warp Charge.

LEGGI ANCHE: OnePlus 6T: la recensione

Per scoprire tutta la verità su questa faccenda, bisogna aspettare solo pochi giorni. L’evento ufficiale di OnePlus e McLaren si terrà il prossimo 11 dicembre presso il McLaren Technology Centre di Woking, storica sede dell’azienda automobilistica.

OnePlus 6T McLaren Edition – Tweet

OnePlus 6T McLaren Edition – Immagini

Fonte: Ishan Agarwal (Twitter)