Galaxy S10 5G con 6 fotocamere ed un gigantesco schermo da 6,7”

Nicola Ligas Il The Wall Strett Journal anticipa quello che potrebbe essere uno degli smartphone più "WOW" (e cari) di tutti i tempi.

Un nuovo report del Wall Street Journal riporta ancora una volta al centro dell’attenzione Galaxy S10, che sembra sempre più sarà un vero punto di svolta per l’azienda. Abbiamo già ribadito ieri che dovrebbero esserci tre varianti principali dello smartphone: due da 5,8” (la prima senza lettore di impronte sotto al display e con schermo non curvo, la seconda con entrambi) ed una da 6,44 pollici; ma a quanto pare non finisce qui.

Il vero modello di punta, quello che non è detto esca in concomitanza con gli altri tre, sarà infatti ancora più grande, arrivando a ben 6,7 pollici di diagonale, quasi quanto il mitico Galaxy F, ovvero lo smartphone pieghevole mostrato dall’azienda qualche settimana fa. (Ma sia chiaro che Galaxy S10 non sarà pieghevole.)

LEGGI ANCHE: La nostra selezione per il Black Friday

Inoltre, questo “super” Galaxy S10 (nome in codice “Beyond X“) sarà anche l’unico modello dotato di connettività 5G (ecco perché potrebbe uscire in un secondo momento) e per di più dovrebbe avere ben 6 fotocamere: 4 dietro e 2 davanti. E se nemmeno questo bastasse, il Journal parla anche di ricarica wireless inversa, come Mate 20 Pro, ovvero della possibilità di ricaricare altri dispositivi compatibili semplicemente toccandoli. Questa funzione potrebbe essere presente anche su altre varianti di S10, non solo su quella 5G.

Considerando la fonte della notizia, siamo meno scettici di quanto non lo saremmo stati altrimenti, ma c’è comunque da dire che di carne al fuoco ce n’è molta, e non è detto che tutto vada esattamente come descritto. Anche perché, in mezzo a questi 4 Galaxy S10, deve “incastrarsi” anche Galaxy F appunto. Sarà un 2019 insomma molto affollato nella line-up di punta di Samsung, e di certo i rumor non mancheranno: noi come sempre cercheremo di distinguere il falso dal vero, voi continuate a seguirci per restare aggiornati.

Fonte: The Wall Street Journal