Un disastro chiamato Apex Launcher: la nuova versione è un buco nell’acqua e quindi… si torna indietro

Edoardo Carlo Ceretti Non la più coraggiosa delle scelte per gli sviluppatori di un launcher un tempo molto apprezzato dagli utenti.

Se siete assidui utilizzatori di Apex Launcher, conoscerete già la bizzarra situazione che si è venuta a creare nelle scorse settimane, con un colpo di scena che risale alla giornata di ieri. Ma facciamo un passo indietro per chi non avesse seguito la vicenda.

Fino a qualche anno fa, Apex era uno dei launcher più apprezzati nel panorama Android, salvo poi perdere gradualmente terreno nei confronti di Nova, Action e altre soluzioni più moderne e al passo con i tempi, finendo per essere quasi abbandonato al suo destino. L’anno scorso però, Apex aveva dato segni di vita, mostrando la volontà di risalire la china, con una serie di aggiornamenti per recuperare il tempo perduto. Arriviamo dunque all’estate appena conclusa, quando Apex si è aggiornato alla versione 4, proponendo un look rinnovato e tante novità. Peccato però che, da allora, gli utenti hanno iniziato a lamentare una serie interminabile di gravi problemi, che lo hanno reso quasi inutilizzabile.

LEGGI ANCHE: Google ARCore arriva sui recenti top di gamma (iPhone compresi)

Ed ecco la svolta delle scorse ore: gli sviluppatori, di fronte ad un disastro di tali proporzioni, hanno sostanzialmente alzato bandiera bianca, annunciando il rilascio di una nuovo aggiornamento, che non fa altro che riportare Apex alla vecchia versione 3. Come se non bastasse però, sembra che si tratti di una versione ibrida raffazzonata, non del tutto esente dai problemi che hanno piagato la versione 4, tanto che gli stessi sviluppatori l’hanno definita instabile. Un vero peccato che un launcher glorioso come Apex stia piano piano rovinando la propria reputazione, a causa di una gestione così superficiale. L’augurio è che gli sviluppatori riescano a tamponare l’emergenza, per poi prendersi il tempo per elaborare un vero e proprio aggiornamento e dare nuova linfa al progetto.