Muzei 3.0 arriva in beta sul Play Store: nuove API, nuove gesture ed app standalone per Wear OS (aggiornato: stabile)

Nicola Ligas -

Dopo un paio di mesi di test in alpha, Muzei 3.0 è ora disponibile nella sua prima beta pubblica, che rivede e rilancia quanto visto nella alpha.

  • Aggiunto il supporto per le nuove API di Muzei
  • Le fonti basate sulle nuove API utilizzano l’avanzamento automatico: impostazioni centralizzate per l’utilizzo in solo WiFi-only e per gli intervalli di aggiornamento
  • Il plugin per Tasker di Muzei può ora selezionare fonti basate sulle nuove API
  • Possibilità di regolare indipendentemente gli effetti di home e lock screen
  • Nuove gesture personalizzabili
  • L’app per Wear OS è ora standalone, ovvero non richiede più quella sullo smartphone, e supporta anche fonti di terze parti

Le nuove API fanno ovviamente la parte del leone, anche perché dovrebbero donare nuova linfa ad un’app che in fondo non ha mai perso troppo slancio, e che si appresta a diventare ancora una volta di più un punto di riferimento per gli sfondi artistici, in senso letterale.

Se voleste quindi provare la nuova Muzei, vi basterà aderire al programma beta sul Play Store tramite il badge sottostante.

Aggiornamento15/10/2018

Muzei 3.0 è ora disponibile anche in versione stabile. Non cambia il changelog rispetto a quanto riportato qui sopra, e come sempre potete scaricare l’app direttamente dallo store.

Fonte: Ian Lake (Google+)