Anche Galaxy S10 si dà all’intelligenza artificiale: potrebbe avere un chip dedicato

Giuseppe Tripodi

Se seguite il mondo tech, è probabile che negli ultimi anni abbiate sentito il termine NPU (Neural Processing Unit): si tratta di processori “complementri” che affiancano quello principale e servono per migliorare (drasticamente!) le performance delle operazioni di intelligenza artificiale. Nel mercato Android, Huawei è una delle aziende che ha spinto di più su questo approccio e col suo nuovo Kirin 980 promette di superare le capacità dell’Apple A12 Bionic. Ma presto anche Samsung potrebbe svelare la sua NPU.

Il leaker IceUniverse ha infatti evidenziato che un ex ingegnere Samsung, sul suo profilo LinkedIn, scrive di aver lavorato alla seconda generazione di NPU dell’azienda coreana (dal dicembre 2017 al marzo 2018). Ora, c’è da dire che la prima generazione di NPU di Samsung non è mai stata svelata, e se fosse stata implementata su qualche dispositivo probabilmente la società non avrebbe mancato di farcelo sapere.

LEGGI ANCHE: Tutto ma proprio tutto sulle tre fotocamere di Galaxy S10

A tal proposito, è probabile che Samsung abbia saltato un turno, si sia dedicata a migliorare la propria NPU e sia ora pronta a lanciarla sul mercato, presumibilmente inclusa nel chip Exynos 9820, che debutterà con Galaxy S10.

Nonostante non ci sia ancora alcuna prova concreta, la notizia sembra verosimile: molte grandi aziende del settore (Huawei e Apple su tutti) hanno già dotato i propri chip di una NPU e Samsung, che deve anche spingere il proprio assistente Bixby, potrebbe non voler essere da meno.

Via: PhoneArena